Lega A, Milano cade ancora: Sassari vince 93-79 al Forum, ma Venezia non ne approfitta


Troppo scarica a livello mentale e fisico dopo l’eliminazione dall’Eurolega, l’Olimpia cade in casa contro Sassari 79-93 e certifica il suo stato di crisi toccando quota 7 sconfitte nelle ultime 8 gare. La squadra di Pozzecco scende in campo ad Assago con grande intensità e cavalca lo strapotere di Cooley (27 punti e 11 rimbalzi) per allungare a 4 la striscia positiva in campionato. Dopo il +18 contro Trento e Bologna, arriva un altro successo nettissimo che sembra poter regalare al Banco di Sardegna una nuova dimensione.

L’Armani rincorre sin dalle prime battute e ha troppi attori irriconoscibili per replicare la rimonta effettuata nella giornata precedente con Cantù. James è apatico, le guardie Nedovic e Della Valle litigano col canestro (6/21 in due) e la voglia di Cinciarini (15 punti e 24 di valutazione senza errori al tiro) non basta a invertire il trend. Dopo esser volata sul +11 a fine primo tempo, la Dinamo resiste all’ondata biancorossa targata Micov (16 punti) di fine terzo quarto e poi chiude i conti con un parziale di 6-17 (71-87) in cui brillano Spissu e Polonara (14 punti e 7 assist). I sardi non espugnavano il Forum in regular season dal 2 dicembre 2012. «Eravamo due giri indietro su tutto. Abbiamo pagato gli sforzi europei: ora la squadra è chiaramente distrutta» è il commento di Pianigiani che incassa la prima sconfitta interna con scarto in doppia cifra in campionato della sua gestione.

Venezia non approfitta del k.o. della capolista e rimane a meno 4 dalla vetta perdendo 71-65 sul campo di Brindisi. Gli orogranata si illudono con un parziale di 5-18 a inizio terzo quarto, toccano 14 punti di vantaggio ma spariscono dal campo negli ultimi 10 minuti (solo 7 punti segnati). Banks (12 punti e 12 rimbalzi) è la scintilla del parziale di 18-0 che ribalta le sorti del match. Tra gli ospiti il migliore è Daye con 18 punti e 8 rimbalzi.

Riprende a correre dopo 2 passi falsi Cantù che batte 82-76 Brescia. E’ Gaines con 24 punti il trascinatore dei brianzoli che beneficiano anche della doppia doppia da 14 punti e 15 rimbalzi di Stone. Hamilton con 16 punti è il topscorer dei suoi ma tira con 1/8 da 3 e contribuisce al pessimo 5/31 di squadra.

Trento conferma il suo ottimo momento centrando a Reggio Emilia il settimo successo nelle ultime 8 giornate. Gli autografi sull’80-84 finale sono di Marble e Hogue, autori di 42 punti in coppia mentre per la Grissin Bon il migliore è Johnson-Odom con 22. A quota 14 rimane anche Pesaro che frana in maniera fragorosa sul campo di Cremona 97-64. I lunghi della Vanoli Mathiang e Aldridge si prendono il palcoscenico con 20 punti a testa, per la VL che tira con un pessimo 27,8% da 2, ci sono 18 punti di Blackmon.

L’euforia per aver centrato la Final Four di Champions gioca un brutto scherzo a Bologna che scivola 67-78 in casa con Pistoia. Krubally con 26 punti e 16 rimbalzi consente ai toscani di interrompere la striscia di 10 sconfitte sul campo (senza considerare la vittoria a tavolino con Milano) e di tornare a credere alla salvezza. Sull’esordio vincente di Moretti c’è anche la firma di Mitchell, autore di 21 punti. In casa bianconera 13 punti a testa per il trio Kravic-Aradori-Chalmers.

Nell’anticipo di mezzogiorno torna a sorridere Torino che spezza la serie negativa di 5 gare superando 72-66 Varese. Per la squadra di Galbiati 15 punti e 6 rimbalzi di Hobson mentre sul fronte ospite 13 punti per Avramovic e Salumu. L’Openjobmetis, alla sesta sconfitta nelle ultime 7 gare esterne, paga l’assenza di Archie (infortunato) e le percentuali dall’arco (29% contro il 52% degli avversari).

7 aprile 2019 (modifica il 7 aprile 2019 | 22:37)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *