Le Leghe europee non vogliono la Champions nei fine settimana


Il progetto di riforma della Champions League a partire dal 2024 crea allarme tra i maggiori campionati del continente. Venerd a Lisbona in occasione della 38 assemblea dell’Associazione delle Leghe Europee, a cui era presente De Siervo, ad della Lega di A, si ribadita con fermezza la volont da parte dei singoli tornei di avere pieni poteri decisionali su format, criteri e calendari delle proprie competizioni nazionali, al momento in perfetto equilibrio con i tornei europei.


Ecco come sarà il calcio del futuro: extraricco, extralarge e da Nobel per la pace



Pallone extralarge ed extralusso


Da via Rosellini si precisata inoltre l’importanza di mantenere intatta la tradizione dei tifosi con le partite in calendario nel week end. Pure la Premier ha manifestato preoccupazione sugli stessi temi. Pur non essendosi ancora ufficialmente espressa, la Uefa sta pianificando di far partire tra 5 anni una Champions allargata a 32 squadre (con 4 gruppi da 8), da calendarizzare nel fine settimana. Il futuro del calcio europeo si giocher nella prima met di maggio.

Le Leghe hanno convocato infatti una riunione della Club Advisory Platform per il 6 e il 7 a Madrid, dove tutti i club europei sono invitati dall’European Leagues a partecipare per discutere dell’evoluzione delle competizioni europee e della minaccia che le Leghe e i club devono affrontare a livello nazionale. Il giorno seguente, il cda dell’Associazione delle Leghe Europee incontrer il Comitato Esecutivo della Uefa. Quel giorno si capir in quale direzione sta andando il pallone.

5 aprile 2019 (modifica il 5 aprile 2019 | 21:55)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *