Italia, Mancini lancia baby Kean: «Ha entusiasmo e forza, deve fare quello che sa»


«Serenità, fiducia, entusiasmo. Sono le cose che ha portato il c.t. Mancini in questa Nazionale e dopo il fallimento del Mondiale non era scontato». Capitan Chiellini vede la svolta azzurra, prima del debutto nelle qualificazioni all’Europeo 2020, sabato sera a Udine (20.45, Rai1) contro la Finlandia. Ma il Mancio aggiunge una parola alla sua ricetta per rivitalizzare la Nazionale: «Allegria». È quella che il c.t. chiede alla sua squadra, alla ricerca di un gioco di attacco («Faremo gol» promette Mancini) e Moise Kean, 19 anni, che a Udine dovrebbe debuttare dal primo minuto dopo la mezzora giocata a novembre contro gli Stati Uniti in amichevole. «Da lui mi aspetto quello che è capace di fare: ha entusiasmo, forza fisica, tecnica e vede la porta. Deve fare quello che sa, con tranquillità. E soprattutto allegria».

La Finlandia non è la Svezia, in tutti i sensi. La Nazionale di Helsinki è in crescita, ma è la più debole delle scandinave. E il clima attorno all’Italia è decisamente diverso rispetto al flop nello spareggio Mondiale contro gli svedesi: «Secondo me in dieci mesi siamo cresciuti tanto – sottolinea Mancini – . Da adesso diventa fondamentale vincere e migliorare un ranking che non ci piace tanto, anche in vista del sorteggio per i gironi di qualificazione al Mondiale. Io a questi ragazzi ho cercato di portare tranquillità e fiducia, soprattutto ai giovani che sono arrivati e che arriveranno. Loro hanno accelerato le cose, dimostrando grande disponibilità».

Capitolo formazione: Kean dovrebbe giocare a destra nel tridente con Immobile e Bernardeschi, in difesa spazio al terzino destro del Valencia, Piccini. Per il resto i fedelissimi del Mancio sono pronti a confermare la discreta Nations League in autunno, contro un avversario che ha un bomber in grande forma, Teemu Pukki del Norwich, 24 gol e 9 assist nella Championship, la B inglese: «Della Finlandia e di Pukki sappiamo tutto – dice Mancini – . Sono cresciuti tanto e saranno difficili da battere. Ma dobbiamo cominciare col piede giusto».

22 marzo 2019 (modifica il 22 marzo 2019 | 18:59)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *