Italia-Finlandia 2-0 , pagelle azzurre: Kean bambino spietato, Quagliarella idolo tra i giovani


Queste le pagelle dell’Italia dopo il successo per 2-0 contro la Finlandia nella gara d’esordio delle qualificazioni a Euro 2020:
Donnarumma: 6
Una sola parata, in due tempi, nel finale: l’avversario lo colpisce, lui vorrebbe fare altrettanto. Placcato.
Piccini: 6
Il terzino del Valencia – che gli ha messo una clausola di 80 milioni – ha una stazza da centrale: al debutto da titolare si muove come un cingolato sulla fascia. Solido.
Bonucci: 6
Un lancio telecomandato nell’azione del rigore invocato da Bernardeschi. Ma al primo pericolo vero è graziato dall’errore di Pukki.
Chiellini: 6
La chiusura migliore è su Hamalainen.
Biraghi: 6
La licenza di attaccare arriva nella ripresa e lui non si tira indietro.
Verratti: 6
Trovasse anche il gol, dopo i buoni recuperi e le giocate raffinate per arrivare al tiro, sarebbe un ulteriore salto di qualità.
Jorginho: 5,5
L’inverno del Chelsea gli ha tolto certezze: fa errori, che innescano un paio di ripartenze finniche, tipici di chi non è sereno.
Barella: 6,5
La deviazione sul gol sarà anche un bell’aiuto, ma l’esecuzione e la postura sono perfette: prima rete in azzurro, alla quinta presenza. Sembra già un punto fermo: sempre in movimento.
Bernardeschi: 6
Il turbocampista visto contro l’Atletico fatica a sgommare sulla trequarti. Ma il suo movimento continuo, anche quello meno appariscente, è importante.
Immobile: 6
In coda a una partita in cui ogni cosa che fa sembra faticosa, è lui a costruire il 2-0 della tranquillità, con una palla perfetta che manda Kean in porta. Centravanti operaio.
Kean: 7
Debutto da titolare con gol, difficile fare meglio, almeno per adesso. Sinistra, destra, centro: si muove lungo tutto l’arco costituzionale, ma solo quando si allea con Immobile riesce a vedere la porta. E lì davanti si conferma spietato.
Quagliarella: 6,5
Nell’Italia dei giovani è lui il più invocato: colpisce l’incrocio dei pali.
Mancini: 6,5
Due gol dei “suoi” ragazzi, per una vittoria che in casa mancava da sei partite: il modo ideale per iniziare una storia nuova.

23 marzo 2019 (modifica il 23 marzo 2019 | 22:48)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *