Istat, prezzi alla produzione in calo dello 0,7% a novembre


A novembre 2018 l’Istat stima una diminuzione congiunturale dello 0,7% dell’indice dei prezzi alla produzione dell’industria, mentre su base annua registra una crescita del 4,5%. «La diminuzione congiunturale dei prezzi dell’industria a novembre è dovuta alla flessione dell’energia registrata sul mercato interno. Su base annua, invece, è l’energia che determina gran parte della sostenuta crescita dei prezzi», è il commento dell’Istituto di statistica. Nelle costruzioni la crescita su base annua dei prezzi riprende, dopo la decelerazione di ottobre, con un aumento tendenziale dell’1,7% a novembre, e anche su base mensile c’è un incremento dello 0,3%. I dati mostrano, poi, un aumento generalizzato dei prezzi alla produzione dei servizi, nel terzo trimestre (+0,5% rispetto al trimestre precedente, +1,7% dal 2017): su base annua il contributo più significativo deriva dal settore dei trasporti (con un rincaro del 6,6% del trasporto aereo). Sono in calo solo le telecomunicazioni (-2,2%) e il magazzinaggio.

Tornando all’industria, a novembre, sul mercato interno i prezzi alla produzione diminuiscono dello 0,8% su ottobre 2018 e aumentano del 5,7% su base annua. Sul mercato estero la dinamica congiunturale è lievemente positiva (+0,1%) per l’area euro e stazionaria per quella non euro. L’incremento annue è dell’1,8% (+1,4% per l’area euro e +2,0% per quella non euro)

20 dicembre 2018 (modifica il 20 dicembre 2018 | 10:44)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *