Inter-Milan: la confusione creativa più forte dei dandy in rossonero


Paga molto la Juve la sua distrazione contro il Genoa perch vede tornare in campionato anche l’Inter. I 13 punti di distacco del Milan, uniti agli 11 della Roma, sono al contrario la grossa sorpresa. Un distacco enorme che mette le societ e le squadre davanti a forti responsabilit.

Il derby non stata una partita epocale, si corso molto, si combattuto quasi senza ombra di tattica, un calcio nazional popolare molto sentito che stato vinto dalla squadra pi pronta a usarlo. L’Inter sapeva che il Milan aveva pi qualit, cos ha fatto il possibile per non fargli tenere a lungo il pallone. Senza scambiarsi la palla il Milan come diventato cieco, si condannato a un salto di qualit che non ha ancora, inventare la partita attraverso giocate continue. Era troppo. L’Inter ha segnato solo nei minuti di recupero ma non ha mai davvero rischiato di perdere, il Milan s. Senza essere travolgente l’Inter arrivava prima su quasi tutti i palloni. Ha oscurato Higuain, non gli ha fatto realmente arrivare palloni, ha reso inutile la corsa di Kessie, Calabria e Rodriguez, ha chiuso in uno scambio continuo di marcature sia Biglia che Bonaventura. Niente che non sia da manuale, non stato inventato calcio ieri sera a San Siro. C’ stato per un risultato corretto ripreso solo all’ultimo istante.

L’Inter ha meritato di vincere, senza follie ma con costruzioni di gioco che hanno almeno tentato di tenere lontana la confusione agonistica che la partita portava naturalmente avanti. Il Milan grazioso e potenzialmente forte, ma leggero come un dandy al primo t, ha Higuain e non riesce a offrirgli un pallone. Perde male, si perde sempre con un po’ di ingiustizia all’ultimo minuto, ma Gattuso capisce le realt del calcio e questa non era la sua notte. Il campionato si allunga, ritrova piccola umanit, l’Inter dove ieri era il Napoli, insieme dicono alla Juve che qualcosa cambiato, non pu correre sull’acqua, le convinzioni devono essere altre. Ma se del Napoli si conosceva molto, tempo adesso di studiare questa Inter disordinata come un pendolo, bravissima a vincere in fondo alle partite, esattamente quando l’entropia esplode. il disordine il segreto dell’Inter perch nella confusione emergono i fenomeni, gli individui. E l’Inter ne ha. tra gli sbagli finali che chi gioca meglio trova equilibrio. Uno schema sconosciuto aspettare, puntare sulla classe ultima. Questo lo schema fatto da uomini che sanno fare calcio. Almeno quando il calcio non pu fare tutto da solo.

21 ottobre 2018 (modifica il 21 ottobre 2018 | 23:34)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *