Inter, esplodono i casi Perisic e Candreva. Milan: è caccia a Deulofeu


A 72 ore dalla fine del mercato l’Inter si ritrova a gestire il caos Perisic, deflagrato in tutta la sua potenza. Dopo Icardi, che punta i piedi per ottenere un rinnovo principesco, e le mattane di Nainggolan, che dagli audio rubati lasciano presagire che da Milano fuggirebbe di corsa, ora scoppia il caso relativo al croato, ieri lasciato in panchina da Spalletti contro il Torino. Perisic vorrebbe trasferirsi in Premier ma l’Arsenal – che ha provato a inserire Ozil nell’affare – al momento lo prenderebbe solo in prestito oneroso con diritto di riscatto (5 milioni pi 40). Formula che non convince i nerazzurri che puntano a una cessione a titolo definitivo – cio 40 milioni, tutti e subito – per tuffarsi su De Paul gi prenotato dall’Udinese per l’estate. Oggi i dirigenti nerazzurri incontreranno il club friulano per approfondire la questione, visto che sull’argentino c’ anche il Napoli. Parallelamente, nei discorsi aperti con il Dalian Yifang per Ferreira Carrasco, l’esterno gi seguito da tempo anche dal Milan, stato inserito il nome di Candreva che, oltre ad avere un ingaggio superiore ai 3,5 milioni di euro, non vorrebbe trasferirsi troppo lontano da Milano, figuriamoci in Cina. Ieri la sua fidanzata su Instagram ha pubblicato frasi, rimosse poco dopo, che sembravano dirette proprio a Spalletti, reo di aver tenuto in panchina Candreva per quasi tutta la partita di Torino: Ti sta bene da adesso avanti cos. E andiamo!! Avanti cos. La situazione, anche in questo caso, pi che fluida.

Milan

Il Milan, dopo Paquet e Piatek, non ha concluso le grandi manovre. Cerca un attaccante esterno e, oltre al Carrasco di cui sopra (che non intende concedere cospicuo sconto sull’ingaggio da 10 milioni), segue Deulofeu. Il Watford lo cederebbe per solo a titolo definitivo e per non meno di 30 milioni. Groeneveld (Bruges) l’altro nome sul tavolo. Intanto l’Olympiacos si stancato di aspettare Antonio Donnarumma, bloccato a Milano fino a domani sera, complice l’infortunio muscolare occorso a Reina ed ha virato su Lodygin in prestito dallo Zenit.

Juventus

La Juve dovrebbe avere chiuso il mercato con l’arrivo di Caceres al posto del ribelle Benatia, stando alle parole del vicepresidente, Pavel Nedved, e di Massimiliano Allegri. Ma l’infortunio alla caviglia destra patito da Bonucci ieri sera all’Olimpico potrebbe portare in piena emergenza la difesa. La coperta infatti corta: nel reparto centrali, restano soltanto Chiellini (da gestire nei vari impegni), Rugani e appunto il neo acquisto Caceres, visto che Barzagli star fuori almeno un altro mese. De Scoglio potrebbe essere adattato al centro ma potrebbe tornare d’attualit cos una soluzione di esperienza con Bruno Alves del Parma.

Roma

La Roma cerca l’opportunit in volata e tutte le indicazioni portano a Wilmar Barrios, colombiano classe ’93 del Boca Juniors. Il ds Monchi sta cercando di convincere il club argentino a dire s al prestito secco con obbligo di riscatto in estate pagando la clausola rescissoria da 21 milioni. Ma sembra complicato arrivare al traguardo. In uscita Coric (piace a Cagliari e Spal). La Lazio, invece, lavora sugli esterni: Zappacosta, Laxalt, Barreca e Djavan Anderson rappresentano gli obiettivi per sistemare le fasce prima del gong del mercato.

Bologna

Il clamoroso ko interno di ieri con il Frosinone ha scosso Bologna, tanto che il presidente, Joey Saputo, ha tuonato: Abbiamo fatto piet, terribile, chiedo scusa ai tifosi. Oggi decider il cambio in panchina: Filippo Inzaghi, legato agli emiliani da un contratto che scade nel 2020 con ingaggio da 600 mila euro, verr con ogni probabilit esonerato. In pole position per sostituirlo c’ Sinisa Mihajlovic, che per tornare nella squadra che allen gi dieci anni fa chiede un contratto di sei mesi con rinnovo automatico di due anni in caso di salvezza. Si tratta l’ingaggio, sono attesi sviluppi nelle prossime ore.

28 gennaio 2019 (modifica il 28 gennaio 2019 | 10:25)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *