Il «riconoscimento alla carriera» a Moggi in una sala del Senato fa esplodere il web


La notizia fa discutere sul web e non solo. Se non altro perché a memoria non si ricorda di un premio consegnato nell’aula del Senato alla carriera a un dirigente sportivo radiato a vita in via definitiva e salvato solo dalla prescrizione in sede penale dalla grave accusa di associazione a delinquere. Parliamo di Luciano Moggi ex direttore sportivo di tantissime società tra cui anche Napoli, Roma e Juventus, e grande protagonista dello scandalo di Calciopoli.

Polemiche

Moggi il 23 marzo scorso ha ricevuto nella sala Zuccari del Senato un riconoscimento speciale alla carriera dal comitato dell’ordine del Leone d’Oro di Venezia. Più che il riconoscimento (ognuno la può pensare come vuole su Calciopoli però bisognerebbe conoscere le sentenze della giustizia sportiva e di quella penale) ha fatto discutere il luogo, ovvero una sala del Senato.
Molto critico il giornalista televisivo Maurizio Pistocchi, da sempre ferocemente antijuventino e che da anni si batte contro il tentativo di riabilitare la figura di Luciano Moggi che ha scritto: «Il Comitato dell’Ordine del Leone d’Oro di Venezia ha conferito a Luciano Moggi nella sala Zuccari del Senato a Roma, un riconoscimento speciale alla carriera. Certamente meritato: in 100 anni di Calcio, nessuno era riuscito a far retrocedere in serieB la @Juventusfc Buonanotte». Da quel momento diluvio di commenti sul web tra favorevoli e contrari. Evidentemente una ferita mai sanata.

25 marzo 2019 (modifica il 25 marzo 2019 | 13:28)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *