Il Portogallo ancora senza Ronaldo «Lo aspettiamo, pensiamo a vincere»


MILANO Senza Pepe e senza Ronaldo (per la prima volta assente per tre convocazioni di fila con la Nazionale), il Portogallo arriva a San Siro da settimo del ranking Fifa e da campione d’Europa. Ma la domanda solo una: a marzo, quando cominceranno le qualificazioni a Euro 2020 (sorteggio dei gironi il 2 dicembre) Cristiano torner in Nazionale? Vediamo a marzo – glissa il c.t. Fernando Santos – perch ancora molto lontano. Adesso pensiamo a vincere questa grande partita che ci attende.

Portoghesi favoriti

Anche perch il Portogallo, che il 10 settembre a Lisbona sconfisse l’Italia pi nettamente dell’1-0 finale (gol dell’ex milanista Andr Silva) comunque favorito per la sfida di sabato sera con gli azzurri (20.45), anche perch il pareggio basterebbe ai portoghesi per vincere il gironcino di Nations League. Una sconfitta rimanderebbe il discorso a marted, quando si giocher l’ultima partita, Portogallo-Polonia a Guimares. Anche in quel caso ai senza Ronaldo baster un pareggio.

Giustizia per Ronaldo

Il Portogallo sembra aver metabolizzato l’assenza del suo campione, ma Santos spiega che non esiste squadra al mondo che stia meglio senza avere a disposizione il giocatore migliore del mondo. L’importante adesso per quanto riguarda Ronaldo che si faccia giustizia e che gli venga assegnato il Pallone d’oro. Il nostro spirito di squadra senza lui sempre lo stesso: stiamo bene assieme, cerchiamo di crescere i giovani all’interno di una struttura tattica e tecnica definita. L’Italia? Me l’aspetto completamente diversa da settembre, sia nel modo di giocare che negli uomini. Oggi assomiglia di pi a noi, cura il possesso palla. Anche per questo sar una partita spettacolare tra due grandi squadre.

16 novembre 2018 (modifica il 16 novembre 2018 | 17:41)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *