Il plutonio italiano agli inglesi Pagando a Londra 200 milioni


L’ Italia potrebbe presto cedere una tonnellata di plutonio al Regno Unito, pagando per a Londra circa 200 milioni di euro nell’ambito di un accordo che sta mettendo in imbarazzo il ministero dello Sviluppo economico di Luigi Di Maio. Si tratta di materiale altamente radioattivo, ricavato dalla lavorazione del combustibile usato dalle centrali nucleari nazionali nella stagione chiusa nel 1987 e custodito nel sito di Sellafield, a nord di Liverpool. Non solo: nell’accordo che il Mise sta esaminando dopo aver ricevuto le carte da Sogin, la societ pubblica responsabile dello smantellamento dei vecchi impianti, sono incluse anche 690 tonnellate di uranio, 550 delle quali di uranio impoverito e 140 di uranio leggermente arricchito.

Hard Brexit

La Sogin (che opera in base agli indirizzi strategici del governo) ha fretta: la settimana scorsa ha richiesto un nulla osta entro pochi giorni per arrivare a una conclusione prima del 29 marzo, anticipando cio una possibile hard Brexit. Da quella data infatti, con un’uscita disordinata dall’Ue, il Regno Unito potrebbe anche essere sciolto dal Trattato Euratom e dalle salvaguardie che quest’ultimo comporta. Un fatto che secondo la societ di Stato creerebbe complicazioni nella gestione del materiale radioattivo, compresi possibili costi supplementari. Sempre secondo Sogin, l’intesa dovrebbe essere positiva per le casse dello Stato, visto che nei suoi precedenti piani era prevista una spesa di circa 300 milioni. Ma anche su quanto sia verosimile lo sconto, e non solo sul poco tempo a disposizione per valutare i documenti, il ministero ha espresso dei dubbi, visto che ogni decisione di spesa ricadrebbe prima o poi sui consumatori italiani, che finanziano la Sogin con le bollette elettriche. La notizia nel frattempo si diffusa, e in Parlamento sono arrivate le prime interrogazioni, come quella di Tommaso Foti di Fratelli d’Italia.

Le perplessit

Le perplessit di fondo, non solo quelle del Mise, sono almeno tre. Da una parte la congruit della cifra stabilita nella trattativa con la Nuclear Decommissioning Authority inglese e l’impostazione del negoziato. Possibile, si sostiene, che una tonnellata di plutonio non abbia valore commerciale e che nella trattativa non si sia potuto ottenere di pi? La seconda riguarda l’uso del materiale radioattivo, che diventerebbe a tutti gli effetti di propriet britannica. Secondo qualche esperto, quel genere di plutonio non adatto per usi militari e parzialmente a fini industriali, cio come nuovo combustibile per le centrali nucleari esistenti, mentre potrebbe servire in futuro se si sviluppasse la cosiddetta quarta generazione di impianti nucleari. Diverso sarebbe il caso dell’uranio impoverito, utilizzabile per armi convenzionali come i proiettili anticarro.

Quanto costano le scorie nucleari all’estero

Infine, il pagamento dei 200 milioni non risolverebbe tutte le pendenze italiane in termini di rifiuti nucleari all’estero, visto che un’analoga situazione in corso anche con la Francia, e coster alla Sogin (e sempre alle bollette elettriche) altri 130 milioni di euro. Neppure le risolver nei confronti del Regno Unito, dove restano quattro contenitori di scorie (chiamati cask) che secondo gli accordi sarebbero dovuti rientrare in Italia gi quest’anno e che invece, al prezzo di 18 milioni l’anno per la custodia (106 milioni totali), arriveranno nel 2025. Sempre che da qui ad allora sia diventato operativo l’ormai famigerato Deposito Nazionale, obiettivo praticamente impossibile da raggiungere per quella data. Il che significa che anche dopo il 2025 gli inglesi continueranno a mungere 18 milioni l’anno per i 4 cask, cui si potrebbero aggiungere altri 60 milioni l’anno per i 13 cask stipati in Francia. Mentre per evitarlo basterebbe un magazzino-deposito ben costruito in uno dei siti Sogin gi autorizzati. Ma c’ qualcuno in area governativa disposto a farsi carico della questione?


http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *