Il piano di Generali: più dividendi e investimenti digitali, meno debito


Generali presenta agli investitori il nuovo piano strategico triennale al 2021, che indica tra le priorit strategiche il rafforzamento della leadership in Europa (principalmente Italia, Francia, Germania e Spagna); la focalizzazione sui mercati assicurativi ad alto potenziale come Asia e America Latina; e lo sviluppo di una piattaforma globale di asset management. E il titolo parte subito in rialzo in Piazza Affari, segnando in apertura un guadagno di quasi l 2% a 14,415 euro.

Sotto il profilo finanziario, il Leone punta ad aumentare la generazione di capitale (oltre 10,5 miliardi il dato cumulativo al 2021), le rimesse di cassa alla holding (+35%) e a ridurre il livello e il costo del debito di 1,5-2 miliardi al 2021, tagliando di 70/140 milioni la spesa annua per interessi. Per offrire un rendimento pi elevato per gli azionisti, con dividendi in crescita tra il 55 e il 65%. A fronte di un obiettivo di taglio dei costi di circa 200 milioni al 2021 nei mercati maturi. Inoltre il gruppo investir un miliardo sulla trasformazione digitale (del modello operativo) e per diventare life time partner dei clienti. Un focus importante sar anche sulla sostenibilit con Generali che si impegna ad aumentare del 7-8% i prodotti retail green e di allocare 4,5 miliardi in investimenti verdi e sostenibili.

Siamo fiduciosi e pronti ad attuare il nuovo piano strategico, consapevoli che il nostro track record di eccellenza, reso possibile dal talento delle nostre persone, dalla forza del brand e da una cultura aziendale fondata sulla sostenibilit a lungo termine, garantir il suo successo, ha dichiarato in una nota il Ceo di Generali, Phillippe Donnet, commentando il nuovo piano strategico. Oggi Generali presenta una strategia ambiziosa “Generali 2021” per accelerare la crescita del gruppo e offrire elevati rendimenti e ai nostri azionisti. Il principale obiettivo quello di diventare life-time partner dei nostri clienti, offrendo soluzioni innovative e personalizzate grazie a una rete di distribuzione che non ha uguali.

21 novembre 2018 (modifica il 21 novembre 2018 | 09:56)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *