il palazzo che cancella il monumento –


Fu il vanto della Napoli settecentesca di Ferdinando IV, un
cimitero destinato ai poveri, disegnato da Ferdinando Fuga, con una
struttura ancora unica al mondo: 366 fosse, una per ogni giorno
dell’anno, compresi quelli bisestili. Chi non aveva denaro
per seppellire il proprio defunto si rivolgeva al re e otteneva
spazio in quel luogo. Tutt’oggi vengono da ogni parte del
mondo a visitare questo cimitero unico che si staglia a metà
della collina da Poggioreale, altero e (ancora per poco) visibile a
chi si avvicina dal basso.
Nel giro di qualche mese quella facciata monumentale non la
vedrà più nessuno, nascosta dietro un palazzo bello e
moderno che sta per sorgere giusto ai piedi dello storico cimitero:
e non pensate che si tratti del blitz di un palazzinaro
avventuriero perché qui parliamo di una costruzione
totalmente in regola con i permessi.

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO:

  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet

SCOPRI LA PROMO

Se sei già un cliente accedi con le tue credenziali:



Domenica 25 Novembre 2018, 10:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA


https://www.youchannel.org/feed/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *