il Newcastle ferma il Manchester City, che regalo per il Liverpool –


ROMA – Il Newcastle rovina la centesima panchina in Premier League di Pep Guardiola. Dopo aver ottenuto 3 degli ultimi 66 contro il Manchester City, i Magpies vincono 2-1 in rimonta e fanno un enorme favore al Liverppol che potrebbe allungare a +7. Il Manchester United evita la sconfitta in casa in extremis contro il Burnley, segna anche Pogba. Ci crede il Fulham di Ranieri, che nel secondo tempo abbatte il Brighton: da 0-2 all’intervallo, vince 4-2.

CITY, OCCASIONE SPRECATA – Al City bastano 25 secondi per sbloccare la partita: cross di Raheem Sterling, sponda di David Silva che si scontra con Martin Dubravka, e Sergio Aguero firma il gol più veloce dei Citizens in Premier League dal novembre 2013. Il City rallenta e accelera praticamente a suo piacimento. Nel finale, Danilo crossa per Leroy Sane, il suo colpo di testa è salvato sulla linea, poi Fabian Schar ferma il secondo di David Silva. A metà ripresa il pubblico del St.James’ Park chiede, invano, il rosso per doppio giallo a De Bruyne, che Guardiola toglie (e fa bene) per Bernardo Silva. Poi, all’improvviso, in area sbuca Salomon Rondon che si avvita e pareggia. Incredibile poi l’errore di Fernandinho che regala il rigore ai Magpies al 79′: Ritchie trasforma, al City non resta che una spinta confusa, generosa, totalmente improduttiva. 

UNITED, CHE RIMONTA – Ole Gunnar Solskjaer non diventa il primo tecnico a iniziare la sua carriera in Premier con sette vittorie nelle prime sette partite. Il Manchester United rischa di perdere in casa contro il Burnley per la prima volta dal 1962 in massima divisione: sotto 0-2 all’87’, pareggia col rigore di Pogba e il gol di Lindelof.  Ci prova subito Marcus Rashford, i Clarets reagiscono con la girata di Ashley Barnes, De Gea devia in angolo. Spingono i Red Devils, Pogba si vede annullare un gol al 39′ per fuorigioco. Al 51′ Cork salta Pereira e apre per Barnes che non sbaglia: 0-1, gelo all’Old Trafford. 3′ dopo è strepitosa la parata di Tom Heaton su Rashford. Non da meno, la respinta sul colpo di testa di Lukaku perfetto nello stacco sul cross di Ashley Young. Chris Wood raddoppia e sembra fatta.Ma prima Pogba, poi Lindelof in mischia riscrivono il finale. I Clarets allungano comunque a cinque la serie di partite di fila senza sconfitte.

VINCE L’ARSENAL, COMMOVENTE CARDIFF – L’Arsenal batte 2-1 il Cardiff e allunga a 33 le vittorie nelle ultime 34 partite contro neopromosse all’Emirates Stadium. Il Cardiff gioca un primo tempo di notevole efficienza difensiva nonostante il dolore per la tragedia di Emiliano Sala. “Non ti abbiamo mai visto giocare, mai visto segnare, ma ti vorremo per sempre bene” recita uno striscione dei tifosi. Aubeyang, su rigore, firma nella ripresa il quinto gol in stagione contro neopromosse e sblocca il risultato. La chiude Lacazette a 7′ dalla fine: elegante il dribbling su Sol Bamba, preciso il diagonale.Nel finale Nathaniel Mendez-Laing accorcia. Il gol vale poco per la classifica, moltissimo per il morale: il tecnico Neil Warnock, che fa ancora fatica a dormire, può andare molto fiero dei Bluebirds dopo una settimana così drammatica.

LE ALTRE PARTITE – Clamorosa rimonta da 0-2 a 4-2 del Fulham di Claudio Ranieri. Dopo 3′ il Brighton è già in vantaggio con la conclusione di prima di Glenn Murray dopo la fuga a destra di Martin Montoya. Al 17′ una rovesciata di Pascal Gross diventa un assist sempre per Murray che la mette nell’angolino basso. I Cottagers, peggior difesa dei cinque principali campionati europei, cambiano la partita nel secondo tempo. Inizia tutto con l’improbabile, ma perfetto, destro in controbalzo del difensore Calum Chambers. Il Fulham la ribalta con la doppietta di Mitrovic, che sale in doppia cifra e migliora il suo primato stagionale di reti in carriera. Il Fulham alla fine dilaga: punizione di Tom Cairney sul palo, tap-in vincente di Luciano Vietto.

Spera il Fulham, che stacca di sei punti l’ultima in classifica, l’Huddersfield, fermo a 11 punti. Al 3′ Richarlison dà il benvenuto in Premier League al nuovo tecnico Jan Siewert. Il portiere Jan Lossl para il primo tentativo da breve distanza, non il secondo. L’espulsione dell’ex Roma Digne a metà secondo tempo non altera il finale. Vince l’Everton 1-0, l’Huddersfield perde la decima partita nelle ultime undici. In casa ha segnato solo 5 gol in casa in 13 partite: è il peggior dato di sempre, eguagliato il record negativo a parità di incontri dell’Arsenal nel 1912-13.

Il Wolverhampton batte per la prima volta il West Ham al Molineaux dal 1982. Mai in discussione il match, chiuso 3-0: i 20 dei Wolves a quattro raccontano bene l’assenza totale di equilibrio. Tutti i gol nella ripresa: colpo di testa di Romain Saiss per l’1-0, poi doppietta di Jimenez.

Arsenal – Cardiff: tabellino e statistiche

Fulham – Brighton: tabellino e statistiche

Huddersfield – Everton: tabellino e statistiche

Wolverhampton – West Ham: tabellino e statistiche

Manchester United- Burnley: tabellino e statistiche

 Newcastle – Manchester City: tabellino e statistiche


https://www.youchannel.org/feed/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *