Il Napoli vuole scendere in campo in maschera con il Bologna –


NAPOLI – Ci sarà anche Kalidou Koulibaly nel Napoli che sfida il Bologna al San Paolo: ce ne saranno diecimila sugli spalti e, a sorpresa, forse anche undici in campo. Perché i calciatori azzurri stanno pensando e seriamente di scendere sul tappeto verde del San Paolo anche loro con la maschera del loro compagno, vittima di cori ostili, di razzismo, mercoledì sera a San Siro.

SERVE L’OK – E’ un’idea che è stata coltivata a lungo, che è stata anche comunicata in società che ha però bisogna di autorizzazioni. E’ un desiderio comune di una squadra sensibile e legatissima al proprio compagno di squadra, già travolto in passato dai fischi e dai «buuu» di uno stadio (accadde all’Olimpico, due anni e mezzo fa, con la Lazio e quella volta Irrtati di Pistoia interruppe la gara») e decisa a dare vita ad una dimostrazione forte con un messaggio simbolico deciso, dimostrativo.

GHOULAM E IL TAM TAM – Ghoulam ha comunque cominciato il suo tam tam social, lanciando la foto della maschera di Koulibaly e accompagnadola con una frase ricca di sentimento: «Non importa il colore della pelle. Non importa la religione. Non importa per quale squadra fai il tifo. Il calcio, come tutti gli sport, é un gioco. E tutti i giochi sono passione, divertimento, libertà: e nella libertà siamo tutti uguali! Domani saremo tutti Koulibaly». Forse prima che cominci la partita anche loro.


Ancelotti: “Koulibaly? E’ stato insultato tutta la partita”


https://www.youchannel.org/feed/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *