il Lecce cade a Cremona, Ascoli di rigore sul Pescara –


ROMA – Il fattore campo fa la differenza nelle due partite del pomeriggio di Serie B valide per la 32esima giornata. La Cremonese si impone sul Lecce per 2-0 grazie a due reti nella ripresa di Strizzolo. Vittoria fondamentale anche per l’Ascoli che batte 2-1 il Pescara e si porta nella zona tranquillità della classifica del campionato cadetto.

STRIZZOLO SUGLI SCUDI – Giallorossi protagonisti nel primo tempo di Cremona. La squadra di Liverani sfiora in due circostanze il vantaggio, prima con La Mantia, che colpisce la traversa, poi con Meccariello che manca l’appuntamento con il gol solo per merito di una prodezza di Agazzi sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Nel mezzo va evidenziata l’espulsione di Mauro Vigorito. L’estremo difensore del Lecce sbaglia l’uscita mancando il rinvio del pallone e stende fuori area Luca Strizzolo che stava per involarsi verso la porta. L’attaccante grigiorosso è il protagonista della ripresa. Infatti, è lui a sbloccare la partita al 66′ mostrandosi il più lesto a lanciarsi sul pallone dopo la respinta del portiere del Lecce Bleve sul tiro insidioso di Castrovilli. Dodici minuti dopo il numero 9 della Cremonese realizza anche il gol del raddoppio al 78’ facendosi trovare liberissimo sul secondo palo da Piccolo e insaccando in rete con un facile tap-in. Con la vittoria di oggi la Cremonese sale a quota 38 punti in classifica, portandosi a +8 sulla zona playout. I giallorossi restano al secondo posto.

Cremonese-Lecce: tabellino, statistiche e curiosità

TRE RIGORI DECIDONO IL MATCH – La partita si sblocca al 35′ con il gol di Mancuso per il Pescara. L’attaccante degli abruzzesi realizza così il suo 18esimo gol in campionato trasformando perfettamente un penalty assegnato dall’arbitro Di Paolo per un fallo di Cavion su Sottil. Passano appena cinque minuti ed arriva il pari della formazione marchigiana, anche questa volta su calcio di rigore. A incaricarsi dell’esecuzione è Ninkovic che spiazza Fiorillo riportando l’Ascoli in carreggiata. Nella ripresa è ancora un rigore a cambiare il risultato sul tabellino del match al minuto 83. Questa volta è Ciciretti a incaricarsi dell’esecuzione del penalty per l’Ascoli, assegnato per un fallo di mano di area di rigore di Memushaj, con un tiro imparabile alla sinistra del portiere ospite. Per i marchigiani è la seconda vittoria consecutiva in campionato, per il Pescara è il quarto ko consecutivo in trasferta.

Ascoli-Pescara: statistiche e curiosità


https://www.youchannel.org/feed/

Cerchi un autonoleggio ?

Scegli ora: Autonoleggio Economico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *