Il lavoro c’è ma non si trova TrovoLavoro in edicola Lunedì


Pu un Paese avere oltre il 10% di disoccupati e — nello stesso tempo — quasi un terzo dei posti vacanti che restano vuoti? Pu. Eccome se pu. Succede in Italia. Tutti i giorni. E di mese in mese la voragine che separa il lavoro che c’ da quello desiderato non fa che allargarsi. L’ennesima conferma ieri dal rapporto Unioncamere-Anpal. La difficolt di reperimento delle diverse posizioni ha superato la soglia del 30%. Come dire: tre assunzioni su dieci sono difficili da portare al traguardo della firma. Se si tiene conto che questo mese si libereranno quasi 354 mila caselle negli organigrammi delle aziende, posizioni tutte da riempire, questo vuol dire che oltre 100 mila saranno di difficile reperimento.

questo il paradosso del nostro mercato del lavoro. Non a caso TrovoLavoro luned in edicola insieme con L’Economia del Corriere punter qui la sua attenzione. L’obiettivo non dare voce all’ennesimo lamento inconcludente. Il nuovo supplemento nasce per indicare soluzioni e opportunit. Poco dibattito, molta concretezza. Ovviamente la prima cosa orientarsi verso le posizioni vacanti valorizzando nel curriculum le competenze richieste dalle aziende. E TrovoLavoro vuole essere uno strumento utile proprio in questa direzione. Nell’articolo sui dieci profili professionali pi ricercati segnaliamo, per esempio, le specializzazioni che aprono le porte delle aziende. Qualche idea in proposito anche qui la fornisce l’indagine Excelsior-Anpal. Tra le pieghe della rilevazione si scopre che le competenze digitali sono ritenute importanti per il 61,2% dei profili previsti in entrata. E poi capacit matematiche e informatiche sono rilevanti per il 43,1% dei profili. In generale — come spiegano nel numero luned gratis in edicola direttori del personale ed esperti in ricerca e selezione — la prima cosa da imparare mettersi nei panni delle imprese, comprenderne i problemi e presentarsi con in mano una soluzione.

Prendiamo un esempio concreto: la fatturazione elettronica. Per fare fronte alle nuove regole legate all’emissione di fatture in formato digitale, nei prossimi tre mesi gli uffici contabilit delle imprese avranno bisogno di oltre 12 mila tra addetti alla contabilit e all’inserimento e all’elaborazione dati. Ma Trovolavoro non si limiter a indicare i settori pi interessanti. Saranno segnalate anche centinaia di opportunit, con i nomi e i cognomi delle aziende che hanno ricerche di personale aperte. Nel numero in edicola luned due pagine saranno dedicate a questo.Un altro obiettivo di TrovoLavoro sar quello di disegnare la cartina dell’occupazione vacante in Italia. Si comincia in questo numero con la provincia di Vicenza dove mancano periti elettromeccanici, saldatori, ingegneri.

Certo, una volta messe in fila opportunit e indirizzi a cui spedire i curriculum, il caso di farsi qualche domanda. Perch nel nostro Paese il mismatch tra domanda e offerta di lavoro resta una costante? A questa domanda risponde Dario Di Vico nell’inchiesta dal titolo Il lavoro c’ ma non si trova. Le trasformazioni della tecnologia hanno accentuato un problema strutturale — dice tra gli altri il presidente dell’Anpal, Maurizio Del Conte. Le trasformazioni della tecnologia hanno accentuato un problema strutturale. Formazione e mercato del lavoro sono mondi indipendenti che non si parlano. L’incomunicabilit non fa che aumentare. Di certo non aiuter il dialogo il disinvestimento sull’alternanza scuola lavoro. O la scarsa attenzione verso gli Its, istituti tecnici superiori alternativi alla laurea: l’80% di chi sceglie questa strada entro un anno gi al lavoro. Il primo compito della scuola formare cittadini. anche vero che difficile essere cittadini a tutto tondo se non hai un lavoro. Per questo lavoro e scuola non possono restare comparti stagni, diceva ieri a Milano, durante una mattinata di approfondimento organizzata dalla associazione degli artigiani Claai, il direttore dell’area Lavoro e Welfare di Confindustria Pierangelo Albini. Alle opportunit TrovoLavoro cercher di affiancare informazioni e conoscenza. Per contribuire a fare s che di mismatch al pi presto non sia pi necessario parlare.

17 novembre 2018 (modifica il 17 novembre 2018 | 10:27)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *