Il franchising cresce nel 2018: +0,7% nel primo semestre. Al via il Salone


Cresce ancora il commercio in affiliazione: il fatturato del primo semestre del 2018 del franchising è aumentato per il franchising dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, stando a quanto rilevato dal Centro Studi Salone Franchising Milano. Il franchising dispone di una rete distributiva di 51.671 negozi che fatturano 24,5 miliardi di euro annui. Va sottolineata la crescita della rete distributiva nel Sud Italia: 15.933 punti di vendita, con una crescita del 3,8% nel 2017. Aumentano sensibilmente anche i negozi in franchising aperti all’estero (in Europa, ma anche negli Usa e in Cina): 10.079 con un aumento del 28,1% nel 2017 sull’anno precedente. La regione italiana con la più ampia rete distributiva di negozi in franchising è la Lombardia con 8.523 punti vendita (dati 2017 Assofranchising).

La spinta del food

I settori merceologici trainanti nel franchising sono food and beverage (bar, gastronomia, pasticcerie, pizzerie, gelaterie, yogurterie, birrerie, ristoranti, locali a tema ed altro); abbigliamento e accessori per uomo, donna e bambino (intimo, scarpe, borse, occhialeria, pelletteria, bigiotteria ed altro); servizi (agenzie immobiliari, viaggi e turismo, estetica, palestre, parrucchieri ed altro). L’intera filiera del commercio in affiliazione si riunirà in occasione della 33° edizione della fiera nazionale del comparto, “Salone Franchising Milano”, che si terrà da giovedì 25 a sabato 27 ottobre in Fieramilanocity (Gate 5, Reception Teodorico), www.salonefranchisingmilano.com. Saranno presenti 200 marchi e altrettante catene commerciali, sulle 920 operanti in Italia: da Mondadori Retail a Upim, da Divani&Divani a Doctor Glass, da Kasanova a Domino’s Pizza, da Carrefour a Coop.

Fossati: meno burocrazia

«La formula del franchising ha successo non solo per i reciproci vantaggi per la catene commerciali e gli affiliati — spiega Antonio Fossati, presidente di Salone Franchising Milano — ma anche perché nei nuovi modelli del retail può intercettare al meglio la tendenza del mondo della distribuzione che vede una sempre maggiore integrazione tra vendite off line e on line». «Il Salone sarà anche l’occasione per chiedere al governo un semplificazione burocratica — aggiunge Fossati — non è possibile che per aprire un negozio siano necessarie decine di adempimenti e innumerevoli certificati e permessi».

16 ottobre 2018 (modifica il 16 ottobre 2018 | 16:24)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *