IdeaMI-Agrati, via alla fusione: in Borsa il gruppo dei bulloni hitech


IDeaMi, la Spac promossa da DeA Capital, della famiglia De Agostini, e Banca Imi, annuncia la sottoscrizione dell’accordo per la business combination con Agrati che prevede un reverse take over. In Borsa arriva un gruppo da ricavi consolidati per 658 milioni.
Agrati, multinazionale brianzola leader tra i produttori mondiali di sistemi di fissaggio hitech per il mercato automotive, nata nel 1939 come piccola azienda manifatturiera con 20 dipendenti, nel 2017 ha registrato ricavi consolidati per 658 milioni ed un Ebitda adjusted di 102 milioni nel 2017. presente in Europa, Nord America e Asia, con 12 siti produttivi, 12 sales & application offices e 5 centri logistici. L’azienda oggi interamente controllata da Agrati Holding, il cui azionista di controllo Cesare Agrati. Con l’ammissione alle negoziazioni sul mercato Aim, il gruppo Agrati beneficer di nuove risorse finanziarie fino a 175 milioni, per accrescere i piani di sviluppo. La fusione sar completata nel 2019.

IDeaMI modificher la denominazione in Agrati e rester quotata su AIM Italia, con l’obiettivo di passare al Mta, preferibilmente Segmento Star. La liquidit raccolta da IDeaMI in sede di quotazione, pari a 250 milioni, sar utilizzata: sino a massimi 75 milioni per l’acquisizione di una partecipazione in Agrati, detenuta da Agrati Holding e sino a massimi 175 milioni interamente per finanziare lo sviluppo di Agrati rinforzandone il processo di crescita organica e per linee esterne.
La scelta di andare sul mercato dei capitali e di quotarsi alla Borsa Italiana di Milano risponde all’esigenza di dare al Gruppo le risorse finanziarie e le prospettive industriali per una continua crescita — ha detto il presidente di Agrati, Cesare Agrati — Con il supporto e l’esperienza di DeA Capital e Banca IMI e con i nuovi soci portati dalla SPAC istituzionale IDeaMI contiamo di costruire una nuova fase di sviluppo, mantenendo il controllo del Gruppo.

La business combination prevede l’incorporazione di Agrati in IDeaMi e la nuova societ avr come maggiore azionista la societ manifatturiera con una quota intorno al 70 per cento.
L’approvazione del progetto da parte dei soci avverr il 30 novembre, i quali modificheranno la denominazione da IDeaMi in Agrati. L’accordo prevede inoltre che la nuova societ rimarr quotata sull’Aim Italia ma si propone di passare al mercato telematico azionario (Mta), preferibilmente segmento Star, nel pi breve tempo possibile. Ai fini del concambio di fusione, ad Agrati stato attribuito un Enterprise Value di circa 713 milioni che, tenuto conto della posizione finanziaria netta al 31 agosto 2018 pari a circa 215 milioni e dei surplus assets per circa 8 milioni, determina un Equity Value di Agrati pari a circa 506 milioni. Da questa mattina le azioni IDeaMi, sospese dal 25 ottobre, sono state riammesse alle contrattazioni in Borsa.

29 ottobre 2018 (modifica il 29 ottobre 2018 | 10:26)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *