Icardi sposa sempre la linea Wanda «Lei il mio agente e voglio più soldi»


Milano Niente riservatezza, siamo gli Icardi’s. La guerra della coppia più social del campionato contro l’Inter non si consuma sottotraccia ma si sviluppa sul web, con interviste on line a quotidiani stranieri (vedi il botta e risposta di Wanda con As) e attraverso storie su Instagram.

La parola d’ordine nel salotto di casa di Mauro è «alzare il volume». Così il giorno dopo la multa da 100 mila euro inflitta dal club per il ritardo con cui si è presentato agli allenamenti e la provocazione della wag più fotografata della Serie A («Il rinnovo del contratto è lontano, ci sono altre squadre su Mauro»), il capitano dell’Inter è sceso in campo. Ha imbracciato lo smartphone e ha digitato un paio di messaggi destinati all’Inter e in generale al popolo nerazzurro.

Il primo è la solidarietà totale alla moglie manager, che continuerà a rappresentarlo nei colloqui per il rinnovo del contratto con la società. «Ci tengo a precisare che sono molto, ma molto felice e soddisfatto del lavoro che abbiamo svolto insieme finora. Per questo sarà sempre Wanda Icardi a curare i miei e i nostri interessi fino a fine carriera». La sottolineatura non è banale, dopo i rumor delle ultime ore sull’orientamento dell’Inter a chiedere al centravanti di scegliere un interlocutore neutro e meno esposto della moglie.

La seconda precisazione è un invito al club a presentare una proposta economica assai diversa dalla bozza offerta nell’ultimo incontro a ottobre da Ausilio a Wanda. La signora Icardi all’epoca sobbalzò perché la dirigenza aveva aumentato l’attuale stipendio da 5,5 milioni di euro di un «solo» milione.

«Il mio rinnovo avverrà nel momento in cui l’Inter mi sottoporrà un’offerta corretta e concreta. Solo allora si potrà parlare di rinnovo con verità, eludendo le menzogne gratuite che ad oggi vengono diffuse», ha concluso Maurito, ora legato ai nerazzurri fino al 2021.

Com’è ovvio nella sede interista hanno accolto con irritazione l’ennesimo sfogo pubblico di un membro della famiglia Icardi. Nessuno ha interesse a farsi trascinare nella polemica, pur considerando destabilizzanti dentro lo spogliatoio certi comportamenti assunti da chi ne è il capitano. Ecco perché nel vertice della prossima settimana i dirigenti chiederanno un uso più moderato dei social.

Del resto l’Inter vuole proseguire il matrimonio con Mauro e il giocatore, nonostante le dichiarazioni di Wanda che sostiene di avere quattro offerte per il consorte (mai però formalizzate al club), intende proseguire la sua avventura a Milano.

Gli Icardi’s chiedono uno stipendio da 8 milioni più bonus, per arrivare a 9 fino al 2023. Le parti sono distanti nei numeri ma non nella volontà di proseguire insieme. «Noi siamo tranquilli — ha commentato l’ad Beppe Marotta —. Lo siano anche tifosi». Steven Zhang in serata ha ammorbidito i toni: «Mauro è il nostro capitano, presto ci incontreremo e parleremo del contratto. Non stiamo avendo discussioni con il giocatore, è professionale, ed è tutto ok». Se cade la connessione wi-fi un’intesa si può trovare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

10 gennaio 2019 (modifica il 10 gennaio 2019 | 23:04)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *