«I tifosi con noi per la Champions. Totti l’uomo giusto per il futuro» –


ROMA – Sette partite alla fine del campionato, sette finali per raggiungere la Champions. Testa bassa e pedalare, la Roma non dovrà più sbagliare per centrare il quarto posto. Sabato pomeriggio c’è l’Udinese, squadra temuta da Claudio Ranieri: «È ancora presto per dire se siamo usciti dal periodo negativi – ammette il tecnico in conferenza stampa -. Ci vogliono ancora altre prove. La partita contro la Samp ha dato fiducia a tutti, ma dobbiamo continuare su questa squadra. L’Udinese è l’avversario più difficile in questo momento. Una squadra caparbia, che si chiude e riparte in contropiede. Sono preoccupato, dobbiamo essere lucidi, intelligenti e pazienti, senza farci prendere in contropiede. È quello che vogliono loro: stare lì chiusi e ripartire, entrare duro sulle palle contese e dobbiamo essere molto attenti». 

Però la Champions è lì, a un punto. E la vittoria contro la Sampdoria dà speranza ai tifosi e alla squadra: «Chiedo aiuto al pubblico, devono esserci vicino, devono capire che questa è una partita fondamentale per noi. Siamo in lotta, la Champions è là, noi ci vogliamo andare, così come i nostri tifosi. Però abbiamo veramente bisogno di loro, che ci incoraggino. Dobbiamo essere pazienti, senza farci prendere dalla smania, altrimenti andremo a fare il gioco dell’Udinese».

E a proposito di Champions, un anno fa la Roma compiva la grande impresa contro il Barcellona. Un tre a zero che in questi giorni ha nuovamente emozionato i tifosi, non però il tecnico giallorosso concentratissimo sulla partita di sabato: «Io capisco queste cose, ma scusatemi, già ho dimenticato la partita contro Sampdoria, figuriamoci quella di un anno fa. Non ricordo neanche se l’ho vista ma sicuramente l’ho fatto. A me ora interessa l’Udinese, la mia energia è lì. Quello che è stato è stato, non conta più nulla, quello che verrà è importante. I tifosi si aspettano un’altra prova di determinazione, qualità e voglia di vincere per andare in Europa. Noi siamo proiettati in questo cammino. Sarà difficile perché ci sono molte squadre che lottano come noi e dobbiamo fare di tutto per i nostri tifosi».

Chi sta dando tutto per la Roma, prima da giocatore, poi da dirigente è Totti: «Francesco è la persona giusta il futuro del club perché ama la Roma ed è capace. Passo dopo passo sta entrando in questo aspetto. Nessuno nasce imparato, glielo auguro, è la persona giusta per fare il dirigente. Bisogna però aspettare e farlo crescere. Ogni lavoro ha i suoi pregi e difetti, Francesco sa molto del calcio giocato ed ora sta ampliando le sue conoscenze».


Totti: «Guardare la partita dalla tribuna è più facile. Ora capisco le critiche»

Dzeko non segna all’Olimpico in campionato da quasi un anno, Ranieri punta sul bosniaco per la rivincita del giocatore e della Roma: «Sapete che a me piace giocare con due attaccanti, ma credo che l’Udinese voglia questo. Ancora devo decidere, ma credo che sceglierò uno dei due. I gol del goleador principe di una squadra mancano sempre. Quando un allenatore costruisce una squadra vede la quantità dei gol fatti in determinati ruoli. Quando hai un goleador come Dzeko che ti abitua a stare sui 18, 20, 25 gol, ti aspetti sempre la stessa cifra. Quando non ci sono, pesa. Edin gioca sempre con impegno, questo è l’importante».

Ancora emergenza infortunati, con tre terzini su quattro indisponibili: «Florenzi ha svolto allenamento differenziato, oggi si allena con noi e vediamo come sta. Poi deciderò: potrei anche giocare a tre, ma staremo a vedere». Sabato, ancora una volta, ci sarà Bryan Cristante. Il centrocampista è il più utilizzato da Claudio Ranieri: «Ha grandi potenzialità, si è fatto conoscere nell’Atalanta, lo conoscevo già prima. È quel giocatore che lavora da un’area di rigore all’altra. Fa grandi inserimenti ed ha un grande potenziale da gol. Mi fa piacere averlo in squadra». Buone prestazioni con il tecnico testaccino anche per Justin Kluivert: «Abbiamo visto ieri sera l’Ajax e oggi gli ho chiesto se abbiamo comprato il fratello, visto che era titolare in quella squadra. Si è messo a ridere. Non è facile uscire da un progetto dove sono schematizzati, qui ci sono altri schemi. Mi aspetto tanto da lui, ma anche da El Shaarawy, che oltre a far bene la fascia fa tanti gol». Infine buone notizie per De Rossi, ancora arruolatile per la gara contro i friulani: «Daniele è a disposizione, può giocare».


Roma, non solo Dzeko via: parte anche Schick


https://www.youchannel.org/feed/

Cerchi un autonoleggio ?

Scegli ora: Autonoleggio Economico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *