i misteri dei custodi del palazzo –


ROMA Le indagini partono proprio da loro, da quei custodi che hanno vissuto nella dependance della Nunziatura apostolica, dagli anni in cui la villa è stata ceduta al Vaticano. E mentre la polizia Scientifica si appresta ad analizzare le ossa recuperate sotto al pavimento dell’appartamento di pertinenza, la Squadra mobile va avanti con gli interrogatori nella speranza di ricostruire la storia della sede diplomatica di San Pietro. A chi era affidata la custodia di Villa Giorgina? Chi conosceva anche gli angoli più remoti di questa meravigliosa costruzione, piena di verde, praticamente nel centro di Roma?

LA FAMIGLIA

Tra le prime persone convocate dalla polizia, dopo gli operai che hanno trovato le ossa mentre picconavano il pavimento, c’è Anna Mascia, una signora molto devota, due figli, una condotta di vita irreprensibile, e il marito Felice che ha vissuto con lei nella dependance della Nunziatura di via Po. Una permanenza lunga, la loro, iniziata nel 2003 e lasciata poco tempo fa quando la signora è andata in pensione. A chiamarla era stato il Nunzio dell’epoca, il cardinale Paolo Romeo, dopo che lo storico custode, conosciuto da tutti come Pino, aveva lasciato l’incarico alla Villa, dopo aver vissuto lì per tantissimi anni insieme con l’anziana madre. Ad Anna Mascia la polizia ha chiesto proprio di Pino, se avessero mai notato qualcosa di strano e se, nel corso degli anni, qualcuno fosse entrato in quell’abitazione. E lei ha raccontato che nel 2003, quando si è recata con la famiglia a Villa Giorgina, la dependance destinatale come alloggio, era praticamente un tugurio. 

I LAVORI

Ci sono stati tanti lavori da fare, compreso probabilmente quel pavimento dove ora sono state trovate le ossa umane, che, però, quasi certamente non è stato rimosso, ma riparato e coperto con altro materiale. La casa è stata rimessa a nuovo e i muratori che ci hanno lavorato non sembra abbiano trovato niente di anomalo. E chissà ora ai componenti di quella famiglia, composta da gente onesta e lavoratrice, quali pensieri passeranno per la testa sapendo che il pavimento calpestato ogni giorno durante la normalità della vita, nascondeva uno, o addirittura due cadaveri. Chissà quale terribile sensazione staranno vivendo.

Anche perché a scavare nella storia di Villa Giorgina affiorano altri possibili gialli. E uno riguarda proprio un custode del palazzo che ha abitato lì negli anni ‘60. Una possibile pista alternativa a quella di Emanuela Orlandi e di Mirella Gregori, che la polizia sta comunque verificando.

La storia viene ricordata in ambienti ecclesiastici e si riferisce a un custode sul quale sono circolate molte voci sospette. L’uomo viveva nella dependance con la moglie, ma il loro è stato un matrimonio piuttosto travagliato. Continue discussioni e litigi, finché la donna non è sparita da casa in circostanze misteriose. Nessuno ha più avuto sue notizie, tanto meno è riuscito a rintracciarla. Il marito aveva giustificato l’assenza dicendo che la consorte lo aveva lasciato e che se ne era andata all’improvviso proprio perché non andavano d’accordo. Ma ora, con il ritrovamento dello scheletro di una donna, a qualcuno è ritornata in mente quella vicenda. E allora, nel momento in cui il dna verrà estratto dalle ossa recuperate, la polizia scientifica effettuerà la comparazione con quello dei familiari di Emanuela e Mirella. Codice genetico del quale la Procura, ma anche il Vaticano, dispongono già.


Venerdì 2 Novembre 2018, 00:00 – Ultimo aggiornamento: 02-11-2018 10:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA


https://www.youchannel.org/feed/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *