Hard drive, cinque tecnologie che rendono i big data possibili –


hard drive

Si tende a pensare, evidenzia Western Digital, che gli hard drive siano noiosi. E che la tecnologia dietro di essi non sia molto eccitante. Sarebbe comprensibile, ma sbagliato, sottolinea l’azienda.

Western Digital fa l’esempio della propria attività di ricerca. Attività dedicata a spingere i confini della fisica e della tecnologia per produrre soluzioni sempre più spaziose, veloci ed economiche. L’azienda ha un portafoglio di storage molto ampio. Dalla NAND grezza per i prodotti SSD alle testine e dischi per gli HDD. Fino ai sistemi di storage rack-scale completi di software e servizi.

Questa varietà è un ottimo esempio dei diversi modi e delle scelte che i clienti hanno a disposizione per creare un’infrastruttura dati ottimizzata. Gli hard drive, i dischi rigidi, si sono affermati come il perno dei data center. Ciò, grazie alla possibilità di offrire elevate capacità e velocità accettabili con un impegno economico relativamente basso.

Gli hard drive sono la tecnologia chiave che ospita oggi i big data. E, sottolinea Western Digital, lo saranno per il prossimo futuro, grazie agli enormi sforzi in ricerca e sviluppo. Pur essendo, gli hard drive, in circolazione da lungo tempo. Sono stati inventati oltre 60 anni fa, nel 1956, dalla divisione storage di Ibm, che fa ora parte di Western Digital.

Tuttavia, finanche dopo 60 anni, gli hard drive stanno ancora compiendo grandi passi in avanti. Ed è per questo che Western Digital ha deciso di descrivere, in una serie di post sul proprio blog, le tecnologie in arrivo. Tecnologie per archiviare più dati, migliorare sensibilmente le prestazioni degli hard drive e così via.

Ma partendo, prima di guardare al futuro, da cinque tecnologie che potenziano gli hard drive già oggi. Cinque tecnologie impiegate negli hard drive enterprise di punta di Western Digital.

Cinque tecnologie avanzate degli hard drive

HelioSeal

La tecnologia HelioSeal sostituisce l’aria in un disco rigido con l’elio e lo sigilla ermeticamente. L’elio sigillato presenta una minore resistenza ed è meno turbolento dell’aria. Perciò, è possibile aumentare la capacità degli hard drive utilizzando supporti più sottili e un’ingegnosa meccanica, riducendo al contempo la potenza.

Micro-attuatori

Gli hard drive devono posizionare le testine di lettura con una precisione fino al livello del micron. E questo, su un piatto che gira a migliaia di rotazioni al minuto e che potrebbe essere influenzato da vibrazioni o persino rumori forti.

Il multi-stage micro actuator di Western Digital presenta un design innovativo delle sospensioni che consente un posizionamento più accurato delle testine. Questo sistema impiega elementi piezoelettrici ultraleggeri per aiutare a mettere a punto l’allineamento sulla traccia senza dover regolare la posizione dell’intero braccio. Ciò, a sua volta consente una maggiore densità, che permette di aumentare la capacità del disco rigido.

Shingled Magnetic Recording (SMR)

Lo Shingled Magnetic Recording (registrazione magnetica a strati) consente di aumentare la capacità dei dischi rigidi riducendo la spaziatura delle tracce di registrazione. A tal punto che le tracce si sovrappongono leggermente, un po’ come le tegole su un tetto.

Per gli scenari di cold storage, in cui i dati vengono aggiornati di rado, come molte applicazioni cloud, di backup e di sorveglianza, SMR aiuta a ridurre drasticamente i costi di archiviazione.

Instant Secure Erase (ISE) e Signed Firmware

Sicurezza e protezione dei dati sono le preoccupazioni principali per le aziende di oggi. I costi di una violazione dei dati o di un’infestazione da malware possono essere dannosi non solo per i profitti dell’azienda. Ma anche, altrettanto importante, per la loro reputazione.

Qui entrano in gioco funzionalità come ISE, che consente agli hard drive di rendere i loro dati inaccessibili in un istante, e firmware crittografato, che aiuta a garantire che solo il codice fornito dal vendor possa essere eseguito sull’unità.

Composable Infrastructure (CI)

Composable Infrastructure è una nuova architettura in cui calcolo, storage e networking sono disaggregati in pool di risorse condivise. Queste possono essere composte al volo per creare ambienti applicativi virtuali.

Tale tecnologia può consentire agli utenti di ottenere la quantità ottimale di storage, elaborazione e rete, senza richiedere l’over-provisioning dell’hardware. Questa tecnologia ha fatto enormi progressi con la tecnologia NVMe-over-Fabric e Western Digital la estende per funzionare con entrambi, SSD e hard drive. La Composable Infrastructure Western Digital consente ai fornitori di servizi cloud di scalare con la velocità di SSD e la capacità del disco rigido nel modo più efficiente possibile.


https://www.youchannel.org/feed/

Cerchi un autonoleggio ?

Scegli ora: Autonoleggio Economico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *