Hai un’idea di business? Ecco dove portare il tuo progetto e gareggiare, si possono vincere 20 mila euro


Milano, 19 settembre 2018 – 17:09

GoBeyond: prolungato fino al 31 ottobre il tempo di raccolta idee della call for ideas SisalPay per l’innovazione e i servizi al cittadino

Un mese in più per sognare di trasformare in realtà la propria idea di business. Si può fare con SisalPay, il brand dei servizi di pagamento del Gruppo Sisal, che ha prorogato fino al 31 ottobre la raccolta dei progetti per la call for ideas GoBeyond, dedicata al settore dell’innovazione e all’ambito dei servizi al cittadino. Giunta alla seconda edizione, l’iniziativa sviluppata in collaborazione con il fondo britannico CVC Capital Partners premierà la migliore idea nei due campi con un finanziamento di 20.000 euro e il supporto tra mentori, formazione e accelerazione con i partner (Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano, Google, Roland Berger, Brunswick, Frog, Studio Legale Munari Cavani) al fine di facilitare l’avvio di un business e l’entrata sul mercato delle due realtà, scelte anche in base alla condivisione dei valori del gruppo Sisal e in particolare di SisalPay.
Con la prima valutazione della giuria fissata alla prima metà di novembre, con i tre finalisti annunciati la settimana successiva e la premiazione in programma il 28 novembre, per iscriversi basta andare sul sito www.gobeyond.infoe promuovere il proprio progetto con una breve discrezione, la presentazione del team di lavoro, un video di sessanta secondi che introduca gli aspetti preminenti dell’idea e un marketing plan che illustri come sviluppare la fase di crescita della futura azienda. Chi invece sarà presente a Heroes meet in Maratea, il festival euro-mediterraneo dedicato all’universo delle start up di scena a Maratea dal 20 al 22 settembre, potrà iscriversi direttamente in loco, mentre chi sicuramente sarà al via del contest GoBeyond è Weedea – vincitrice del premio SisalPay in occasione di DigithON, la maratona digitale dedicata ai giovani imprenditori svoltasi a inizio settembre a Bisceglie (Puglia) – startup che ha sviluppato Secure Shelter, un sistema di monitoraggio in tempo reale che consente agli amministratori di beni storici di verificare in maniera costante lo stato del proprio edificio. Grazie a una serie di sensori installati sugli edifici e un software che raccoglie e analizza i dati sulle vibrazioni dell’immobile.

19 settembre 2018 | 17:09

© RIPRODUZIONE RISERVATA


https://www.corriere.it/rss/homepage_innovazione.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *