Gp di Malesia, Moto Gp: Rossi domina la gara ma cade nel finale, per Marquez l’ennesima vittoria


Valentino Rossi cade a 3 giri dalla fine dopo aver guidato la corsa fin dal primo giro e per Marc Marquez si spalanca l’ennesima vittoria. Il succo del Gp di Malesia di Moto Gp tutto qui. Alla fine il neocampione del mondo di MotoGp ha portato la sua Honda al primo posto sul traguardo, precedendo la Suzuki di Alex Rins e la Yamaha di Johann Zarco. Sesto posto per la Ducati di Andrea Dovizioso, mentre Andrea Iannone caduto durante il primo giro.

La gara

Marquez ha vinto nonostante la retrocessione al settimo posto in griglia, dalla pole che aveva ottenuto sabato. Per lo spagnolo il nono successo nel 2018, il settantesimo della carriera. Ma se quella di Sepang stata una bella gara grande merito di Valentino Rossi, che l’ha condotta fino al momento in cui, anche per la pressione che gli metteva Marquez, ha dovuto forzare un po’, perdendo il posteriore. Il pilota Yamaha riuscito a ripartire, chiudendo al 18esimo posto.

Moto 2

Se Valentino piange per c’ un altro italiano che sorride. E’ Francesco Bagnaia che con un terzo posto in Malesia (gara vinta da Luca Marini, fratello di Rossi) diventato campione del mondo di Moto 2. Il pilota italiano dopo una stagione da record, scrive il suo nome e quello dello Sky Racing Team VR46 nell’albo d’oro del Campionato del Mondo di Moto2. Per il giovane pilota italiano – cresciuto nell’orbita di Sky e della VR46 Riders Academy – e per la squadra, questo il primo titolo iridato. Per me il motociclismo uno sport di squadra. Quando scendo in pista, ognuno di voi con me. Ci sei tu, Pablo, che hai messo insieme una famiglia, non un Team. Gli insegnamenti di Vale e degli altri piloti dell’Academy. Il supporto di David, la sopportazione di Carola ed i sacrifici della mia famiglia. Idalio, i miei occhi fuori dalla pista. E poi Uccio, Elena, Remo, Luca, Carletto, Sergio, Miguel e Leo. Maro e tutta la sua squadra, Albi, Lalla, tutti i ragazzi della Moto3, Carlo, Elena, Babi, Gianluca, Ale, Cami. Senza di voi non sarei diventato grande. Non smetter mai di ringraziarvi dice Pecco.

4 novembre 2018 (modifica il 4 novembre 2018 | 07:51)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *