Gioielli di aerodinamica a 2 e 4 ruote


Il Club milanese delle auto d’epoca e il Museo della Scienza e Tecnologia hanno fatto il primo regalo natalizio alla citt. Quarantadue gioielli, a quattro e due ruote, che raccontano alcune delle tappe degli studi aerodinamici durante il ‘900. La mostra, allestita nel padiglione aeronavale, rester aperta fino al 5 febbraio ed  nata da un’idea di Marco Galassi, presidente del CMAE, e Fiorenzo Galli, direttore del Museo di Via San Vittore. Grazie al sostegno di Eberhard e Banca Galileo Le forme della velocit si sono materializzate in una galleria di vetture eterogenea, che vorrebbe raccontare come l’aerodinamica entrata nella testa dei progettisti. Dalle auto pi complesse e veloci alle semplici utilitarie.

Esemplare , tra gli altri, il confronto tra due Balilla praticamente coeve: una del ’34 e l’altra del ’35. Ma mentre la paciosa torpedo ha le linee squadrate che molti conoscono, la versione Mille Miglia un condensato di forme tonde e allungate, carenature e angoli spioventi. Interessante, dello stesso periodo, il Nibbio ricavato dal vulcanico Conte di Calvenzano, Giovanni Lurani Cernuschi, costruendo una carrozzeria introno a una Moto Guzzi 500cc.. Il veicolo,  davvero a met strada tra una moto e una vettura, stato premiato al Concorso d’Eleganza di Villa d’Este nel 2017.  

Il settore motociclistico non da meno, con  una selezionata galleria  che va dal triciclo De Dion Bouton del 1898 alla replica della Paton S1R dei giorni nostri. Tra le altre pietre miliari a disposizione del pubblico, una Ford T del ’23 (l’apripista della modernit costruita in quindici milioni di esemplari), una Osca S 187 competizione e, reginetta assoluta, una Ferrari 166 MM del 1950, il cui valore supera i tre milioni di euro. Ma anche una sempre affascinate DS 21 Cabriolet e un pi modesto, ma ormai super-vintage Maggiolino del 1963.

30 novembre 2018 (modifica il 30 novembre 2018 | 17:39)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/motori.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *