Fmi taglia le stime sulla crescita: “Italia tra i fattori che frenano l’economia mondiale”. Replica Salvini


Il Fondo Monetario Internazionale rivede al ribasso le stime sulla crescita dell’economia mondiale. E indica l’Italia come uno dei Paesi che frenano l’economia mondiale.

È quanto annuncia dal palco di Davos Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale. «L’espansione globale si è indebolita», si spiega nell’aggiornamento del World economic outlook. In particolare, l’economia globale si stima che crescerà del 3,5% nel 2019 e del 3,6% nel 2020, rispettivamente lo 0,2 e lo 0,1% rispetto alle stime di ottobre. «All’interno dell’area euro revisioni significative – fa sapere la capo economista dell’Fmi Gita Gopinath – riguardano la Germania, dove le difficoltà di produzione nel settore auto e la domanda esterna più bassa peseranno sulla crescita nel 2019, e per l’Italia, dove il rischio sovrano e quello finanziario, e i collegamenti tra i due, aggiungono venti contrari alla crescita».

Pronta la replica del ministro dell’Interno Salvini: «Italia minaccia e rischio per l’economia globale? Piuttosto è il Fmi che è una minaccia per l’economia mondiale, una storia di ricette economiche coronata da previsioni errate, pochi successi e molti disastri».

21 gennaio 2019 (modifica il 21 gennaio 2019 | 15:33)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *