Fisco, i ritardatari della rottamazione bis hanno tempo fino al 7 dicembre


Restano ancora pochi giorni per pagare le rate scadute della cosiddetta rottamazione-bis delle cartelle e non perdere cos i benefici concessi dalla legge. Circa 345mila contribuenti, il 41% di coloro che hanno aderito alla definizione agevolata prevista dal Dl 148/2017, hanno una nuova opportunit per mettersi in regola. Lo ricorda l’Agenzia delle Entrate con un comunicato stampa. Secondo quanto stabilisce il decreto legge 119/2018, attualmente in fase di conversione da parte del Parlamento, chi non riuscito a pagare, in tutto o in parte, una o pi rate della rottamazione-bis in scadenza a luglio, settembre e ottobre, pu regolarizzare la propria situazione effettuando i pagamenti entro il 7 dicembre 2018 e usufruire direttamente dei benefici previsti dalla nuova definizione agevolata, la cosiddetta rottamazione-ter.

Il versamento delle rate dovute consente l’automatico differimento degli eventuali successivi pagamenti delle somme residue rottamate (in scadenza a novembre 2018 e febbraio 2019) che saranno ripartiti in 5 anni a partire dal 31 luglio 2019. Per i contribuenti che hanno aderito alla definizione agevolata, la legge prevede il vantaggio di pagare il solo importo residuo delle somme dovute, senza corrispondere le sanzioni e gli interessi di mora. Per le multe stradali, invece, non si pagano gli interessi di mora e le maggiorazioni previste dalla legge.

30 novembre 2018 (modifica il 30 novembre 2018 | 15:56)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *