Fiorentina-Juventus 0-3, pagelle: Simeone, è crisi; Dybala sostanzioso, Bentancur consacrato


Milenkovic: 5,5
Il fisicone gli torna utile quando ripiega in mezzo, ma su Cancelo sempre macchinoso.

Pezzella: 6
Preso in mezzo dal triangolo juventino sul primo gol, si rif vincendo due corpo a corpo con CR7 e la Joya.

Vitor Hugo: 5,5
Spreca un’occasione da gol clamorosa, dimostrandosi difensore nell’anima.

5Biraghi
Quando crossa (di fatto, una volta) coglie i compagni impreparati all’evento.

Benassi: 5,5
Parte con un gran tiro da fuori, ma non prosegue con lo stesso entusiasmo.

Veretout: 5
Portato a spasso da Bentancur sull’1-0, non ha un grosso scatto d’orgoglio. Sotto ritmo.

Edmilson: 5
Pressing disordinato e quindi poco utile. Chiude con il fallo di mano che causa il rigore.

Gerson: 5
Qualche idea ce l’avrebbe, ma la realizzazione imprecisa.

Simeone: 4
Se hai un pallone solo e lo sprechi in quel modo sotto porta, allora la crisi profonda.

(Getty Images)
(Getty Images)

Chiesa: 5
Si scongela solo nella ripresa, con un paio di tiri non troppo convinti.

Pioli: 5
Contro la Juve servirebbe almeno un altro spirito, per avere pi ritmo e aggressivit. Ma una squadra non serena fa fatica doppia. Ed la prima che perde con 3 gol di scarto dai bianconeri.

Queste invece le pagelle dei bianconeri, alla 13 vittoria in 14 incontri di campionato, e temporaneamente a +11 sul Napoli, impegnato luned sul campo dell’Atalanta:
Szczesny: 6,5
Pi impegnato del solito, ma senza parate impossibili.

De Sciglio: 6,5
Buona spinta, chiusure attente.

Bonucci: 6
Un po’ di sufficienza nelle uscite palla al piede.

Chiellini: 7
Si toglie pure lo sfizio di un gol di destro, nemmeno facile.

Cancelo: 7
Per nulla impressionato da Chiesa e da Milenkovic. Dominante.

Cuadrado: 6,5
Pochi svolazzi da mezzala: quei pochi, fanno arrabbiare Allegri.

Bentancur: 7
Sostituire Pjanic non facile, la partenza titubante. Ma l’azione del gol che spacca la partita la consacrazione da centrocampista sempre pi completo: 21 anni e non dimostrarli.

Matuidi: 6,5
Fondamentale tatticamente come bodyguard di Bentancur.

Dybala: 7
Convincente tra le linee, per incisivit e ritmo: sfonda spesso e chiude il triangolo chiave per l’1-0. Sostanzioso.

Mandzukic: 6,5
Pressa, ruba palloni, si batte sempre, fino a guadagnarsi il rigore.

Ronaldo: 6,5
L’ultima esibizione da Pallone d’Oro uscente, caratterizzata dal primo giallo, dalla prima sostituzione, da una punizione finalmente calciata in porta. E da un rigore perfetto: decimo gol in A.

Allegri: 7
Controllo pressoch assoluto, della partita e del campionato. Adesso la sfida quella di non avere cali di tensione. Ma l’elettrico Max promette di tenere tutti sull’attenti.

1 dicembre 2018 (modifica il 1 dicembre 2018 | 22:25)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *