fiaccolata per dirgli addio –


La città dice mestamente addio al Banco di Napoli, uno dei più antichi istituti di credito del mondo. Non manifestazioni di piazza, non blocchi stradali per un avvenimento ormai non più scongiurabile, non proteste sbandierate ai quattro venti dalla politica locale – oggi colpevolmente assente se si fa eccezione di una manifestazione organizzata da Fratelli d’Italia – ma solo uno sparuto gruppo di napoletani per dare l’estremo saluto a cinquecento anni di storia. Solo il comitato “Salviamo il Banco di Napoli”, poche decine di persone, infatti, si è mobilitato per una estrema forma di protesta verso la fusione tra il gruppo Banca Intesa e il Banco di Napoli. Fusione da oggi pienamente operativa. In realtà, come si sono affrettati ad ammettere gli stessi manifestanti, i napoletani scesi in piazza in via Toledo non speravano in alcun modo di cambiare il corso degli eventi stabilito già diversi anni fa, ma hanno comunque voluto far sentire la loro presenza e il loro sdegno verso quello che ritengono essere un vero e proprio furto d’identità per la città capitale del Mezzogiorno. 
 

Tanti i passanti che si sono fermati a curiosare, pochi quelli che hanno chiesto informazioni e ancor meno quelli che si sono uniti alla sileziosa e composta forma di protesta. Dopo aver sfilato per un breve tratto di via Toledo gli esponenti del comitato guidato da Ciro Borrelli hanno deposto i loro ceri all’esterno della sede centrale dell’ormai ex Banco di Napoli e si sono attivati per un simbolico ma efficace volantinaggio.

«Siamo qui non per una vana speranza di rinascita del Banco di Napoli – ha commentato l’ideatore del Museo Antropologico di Napoli Gaetano Bonelli – ma per affermare tutto il nostro sdegno di fronte al silenzio di una intera città. Oggi non chiude una semplice banca, ma sparisce quello che era il simbolo dell’antica potenza di Napoli. La cosa che da più dispiacere – prosegue – è che la città assiste con indifferenza alla spoliazione dei suoi simboli. Napoli è sempre più addormentata e i cittadini sono sempre più indifferenti di fronte alla perdita di identità che è ormai una costante di questi ultimi anni. Quello che interessa ai napoletani è solo il calcio Napoli. Se per assurdo – conclude Gaetano Bonelli – stessimo parlando della fusione del Napoli con la Juventus i napoletani che oggi dovrebbero essere qui a migliaia si sarebbero riversati in massa in piazza».

Dello stesso avviso Ciro Borrelli, presidente del comitato “Salviamo il Banco di Napoli” e ideatore della manifestazione. «Nessuno più pensa a coltivare la memoria in questa città – afferma – si pensa solo alle cose puerili mentre la città giorno dopo giorno perde la sua identità. Piazza Mercato stava per essere pavimentata con l’orrenda pietra etnea, sulle torri aragonesi si costruiscono abitazioni – l’affondo – ma solo grazie all’opera di pochi cittadini volenterosi si riescono ancora ad arginare questi scempi. Intanto per una questione di vile denaro si da il colpo di spugna definitivo a cinquecento e più anni di storia. Una storia fatta di ricchezza, potenza e tante buone azioni in favore dei poveri di questa città».


Lunedì 26 Novembre 2018, 20:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA


https://www.youchannel.org/feed/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *