Ferrero vuole sfilare a Kellogg’s la linea di biscotti e snack: operazione da un miliardo e mezzo di dollari


Ferrero, affiancato dagli advisor Lazard e Credit Suisse, sarebbe in campo negli Stati Uniti per acquisire la linea di biscotti e snack della Kellogg’s. Il gruppo Usa, oggi guidato dal ceo Steve Cahillane, ha 113 anni di storia. In Italia sinonimo di corn flakes ma sue sono anche le patatine Pringles. Il principale concorrente di Ferrero sarebbe la multinazionale Usa Hostess Brands.

Rotta sugli Stati Uniti

Alla multinazionale di Alba interessano brand famosi negli Usa come Famous Amos e Keebler, noti per i tradizionali cookies al cioccolato, oltre a Stretch Island (barrette alla frutta). L’operazione avrebbe una valutazione di un miliardo e mezzo di dollari.
D’altra parte l’acquisizione si inserirebbe nell’ambito di una strategia che ha portato il gruppo a puntare molto sugli Stati Uniti. Nel 2017 Ferrero ha messo sul piatto circa un miliardo di dollari per comprare la Ferrara Candy Company, un’azienda che produce le caramelle e i dolciumi. Successivamente arrivata l’operazione da 2,8 miliardi di dollari sulle attivit della Nestl.

Tra le 500 maggiori aziende Usa

Come molte grandi aziende del settore alimentare, Kellogg’s ha iniziato a entrare in difficolt negli Usa perch i consumatori hanno cominciato ad allontanarsi dagli alimenti confezionati, preferendo alternative biologiche. Ma nonostante i cambiamenti sullo scaffale dei supermercati, Kellogg’s ancora classificato nell’elenco Fortune 500 delle maggiori aziende Usa con un fatturato che sfiora i 13 miliardi dollari, circa 11,4 miliardi di euro.


http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *