Fair Play finanziario, il Tas dà ragione al Psg, chiuso il caso per la violazione nel triennio di Neymar e Mbappé


Il Psg vince contro l’Uefa: il Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna ha infatti dato ragione al club parigino, annullando la decisione della Federcalcio europea che voleva tornare ad investigare sui conti della societ transalpina nel triennio 2015-2017. Il Tas ha quindi dichiarato chiuso il processo aperto dall’Uefa contro il Psg per il mancato rispetto del Fair Play finanziario. Il ricorso del Psg era riferito alla riapertura, da parte del Comitato di Controllo Finanziario dell’Uefa, nel settembre 2018, del dossier (chiuso a giugno) sugli investimenti fatti nell’estate del 2017 e che portarono tra gli altri al Parco dei Principi Neymar (222 milioni) e Mbapp (prestito con diritto di riscatto prima e 145 milioni poi). Per il Tas, insomma, il caso definitivamente archiviato e non c’ alcuna necessit di aprire nuovi procedimenti.

Il Psg, in una nota pubblicata sul sito del club subito dopo la pronuncia del Tas, prende atto della decisione, ricordando di avere sempre rispettato le regole e che ha sempre cercato di rispondere con serenit di giudizio e trasparenza alle ripetute richieste della Uefa, sia formalmente che nella sostanza. Il club parigino conclude facendo sapere che adesso intende perseguire con calma il suo sviluppo.

19 marzo 2019 (modifica il 19 marzo 2019 | 18:30)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *