Eurolega, Milano «colpisce» ancora: 4° esonero prima dell’Olimpia, al Buducnost arriva l’ex Repesa


Quando devono affrontare l’Olimpia Milano, gli allenatori avversari si preoccupano. Ma non (o almeno non solo) per il valore della formazione di Simone Pianigiani, ma perch sentono che la loro panchina traballa. L’Eurolega del basket una sporca faccenda, tutti vogliono vincere e chi non vince salta. Ma soprattutto, salta quando il calendario riserva come avversaria la squadra milanese. Siamo ormai a quattro esoneri immediatamente prima della partita con l’AX Exchange, l’ultimo sabato a Podgorica dove il Buducnost ha dato il benservito ad Aleksandar Dzikic. E il 3 gennaio il Buducnost giocher a Milano proprio contro l’Olimpia.

Dzikic ha semplicemente subito la stessa sorte di altri tre tecnici. A inaugurare la serie il Baskonia Vitoria, che ha cacciato il 16 novembre Pedro Martinez prima di presentarsi al Forum di Assago il 21; stessa sorte toccata il 4 dicembre a Salva Maldonado, che addirittura aveva fatto conferenza stampa prima di imbarcarsi sull’aereo per Milano: niente da fare, il Gran Canaria gli ha tolto la panchina e si presentato con un nuovo tecnico al Forum 48 ore pi tardi. E il 20 dicembre arrivato il turno di Xavi Pascual, coach del Panathinaikos, giusto 24 ore prima del match all’Oaka con l’AX. Oggi la quarta vittima europea dell’Olimpia.

Non che Pianigiani gradisca tutti questi cambiamenti. Per un motivo molto semplice: tutte le certezze e le informazioni raccolte sui giochi delle avversarie, con un esonero vanno a farsi benedire. come giocare con una rivale di cui si conosce poco o nulla. Peraltro su tre sfide contro nuovi coach, Milano ne ha vinte due (in casa con il Baskonia e in trasferta con il Panathinaikos), perdendo soltanto – a sorpresa – quella casalinga con il Gran Canaria.

Ma con il Buducnost sulla panchina avversaria torner un allenatore che Milano conosce molto bene (e che conosce molto bene Milano): nientemeno che Jasmin Repesa, il predecessore di Pianigiani alla guida dell’Olimpia, due stagioni in biancorosso, la prima con molti alti, la seconda con altrettanti bassi. Ovviamente Repesa non vedr l’ora di vendicarsi del licenziamento al termine del secondo anno milanese. E altrettanto ovviamente l’Olimpia il 3 gennaio giocher per vincere e rimanere aggrappata al treno playoff.

Sar la prima giornata di ritorno di Eurolega, quindi mancheranno altre 14 partite al termine della stagione regolare. Quattordici allenatori che prima di affrontare l’Olimpia si raccomanderanno a tutti i santi del Paradiso per mantenere il proprio posto di lavoro.

29 dicembre 2018 (modifica il 29 dicembre 2018 | 18:38)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *