«Drogata e abusata da incosciente» –


Ci sono due fermi per l’omicidio di Desirée, la ragazza di 16 anni trovata morta la scorsa settimana in uno spazio occupato nel quartiere di San Lorenzo, a Roma. Si tratta di due senegalesi, irregolari in Italia, Mamadou Gara di 26 anni e Brian Minteh di 43. Entrambi sono ritenuti responsabili, in concorso con altre persone in via di identificazione, di violenza sessuale di gruppo, cessione di stupefacenti e omicidio volontario. È caccia ai complici: gli investigatori della Squadra Mobile di Roma stanno cercando almeno altre due persone che sarebbero coinvolte nella morte della ragazza. «Farò di tutto perché i vermi colpevoli di questo orrore paghino fino in fondo, senza sconti, la loro infamia», ha twittato il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

LEGGI ANCHE Lo strazio della mamma di Desirée: «Non si drogava, ma negli ultimi tempi era cambiata»


 



Il primo fermo è scattato nella tarda serata di ieri, il secondo dopo l’una di notte al termine di un interrogatorio fiume iniziato in Questura già dalla mattinata. In via di San Vitale gli inquirenti, il procuratore aggiunto Maria Monteleone, il pm Stefano Pizza e il capo della Squadra Mobile Luigi Silipo, avevano ascoltato una decina di persone, tra cui un amico e le tre amiche della ragazza che avevano passato con lei la serata. E che hanno aiutato gli investigatori a ricostruire i fatti. Ci sarebbero, inoltre, altri quattro indagati.

Il branco avrebbe dato la droga alla ragazzina, abusando di lei quando ormai non poteva più difendersi. Dai primi esiti dell’autopsia emerge che la sedicenne potrebbe essere morta per overdose, oppure soffocata. Per avere certezze bisognerà attendere il risultato degli esami tossicologici. Desirée avrebbe perso conoscenza a causa di un mix micidiale di droghe e poi abusata per ore e più volte da più persone.

Desirée dopo la separazione dei genitori era stata affidata alla nonna alla quale aveva detto di essere rimasta a dormire a Roma da un’amica. Invece, tra giovedì e venerdì notte era nell’edificio diroccato di via dei Lucani, ribattezzato dai tossicodipendenti come “la casa della droga” e abitato soprattutto da immigrati africani.


Giovedì 25 Ottobre 2018, 07:24 – Ultimo aggiornamento: 25-10-2018 08:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA




https://www.youchannel.org/feed/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *