Doping, concluso processo d’appello a Magnini, attesa per la sentenza


Non ha permesso l’ingresso dei giornalisti in aula (a cui la 2 Sezione d’appello del Tribunale Antidoping aveva dato parere favorevole), li ha schivati dopo cinque ore di udienza dileguandosi dallo Stadio Olimpico tramite una delle tante uscite secondarie. Si conclusa cos, dopo cinque ore di udienza molto tesa, la vicenda processuale sportiva di Filippo Magnini, l’ex stella del nuoto azzurro che si era appellata contro la condanna di primo grado (quattro anni di squalifica) per uso o tentato uso di sostanze dopanti legata a un procedimento penale a carico del suo ex mentore, il dottor Guido Porcellini. Presieduta da Luigi Fumagalli, la Corte d’Appello di Nado Italia ha proceduto con l’udienza dedicata all’ex nuotatore e amico di Magnini, Michele Santucci, posticipando camera di consiglio e sentenza.

Ci hanno sbattuto sulle prime pagine dei giornali come dopati e dopatori – aveva dichiarato Magnini lo scorso novembre dopo la condanna – e adesso ci danno quattro anni perch forse, secondo loro, avremmo tentato di doparci. Con sostanze che nessuno ci ha mai indicato, con prove che non esistono, dopo interrogatori a dir poco inquietanti di cui un giorno forse riveler i particolari.

Magnini e l’era presa in particolare con l’aggressivit del procuratore Pierfilippo Laviani e aveva promesso massima trasparenza sulla vicenda per dimostrare la propria innocenza. Trasparenza che al momento non si verificata: il collegio difensivo di Magnini (qui presente solo con l’avvocato Compagna) ha giustificato il rifiuto di un processo pubblico con la necessit di difendere persone terze estranee all’inchiesta che sarebbero citate nelle intercettazioni giudiziarie. Rispetto alla sentenza, Magnini e Santucci potranno appellarsi solo all’organo supremo internazionale, il Tribunale di Arbitrato Sportivo di Losanna.

2 aprile 2019 (modifica il 2 aprile 2019 | 16:59)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *