dieci edifici davvero bizzarri –


Linee curve, forme spezzate e inconsuete, addirittura case… a testa in giù. Sei certo di conoscerli tutti?

BIBLIOTECA NAZIONALE – MINSK – BIELORUSSIA – Ha una forma così curiosa da richiedere un nome altrettanto bizzarro: l’edificio è infatti un rombicubottaedro e, con i suoi 23 piani e 72 metri di altezza, è uno dei simboli della città. Dalla data della sua inaugurazione, nel 2006, vi trovano posto a sedere oltre 2.000 lettori.

LO STORTO – MILANO – Il suo nome “vero” è Torre Hadid o Torre Generali, ma tutti lo conoscono con il suo soprannome, lo Storto, dovuto alla curiosa struttura attorcigliata su se stessa. E’ uno tre grattacieli di City Life, la nuova zona residenziale di Milano nato dalla riqualificazione della zona dell’ex Fiera. Lo Storto è il secondo per altezza e la sua caratteristica torsione si attenua con l’aumentare dell’altezza, fino a raggiungere la verticalità.

GUGGENHEIM MUSEUM – BILBAO – SPAGNA – L’edificio, disegnato dall’architetto canadese Frank Gehry e inaugurato nel 1197, ha forme sinuose ed è composto da una serie di volumi complessi, interconnessi in modo spettacolare. Racchiude una ricca collezione di arte contemporanea.

CASA MILÀ – BARCELLONA – SPAGNA – Conosciuta anche con il nome La Pedrera, questa casa è l’ultimo capolavoro realizzato da Antoni Gaudí prima che l’artista si dedicasse completamente al progetto della Sagrada Familia ed è stata costruita tra il 1906 e il 1912 su incarico di Roser Segimon e Pere Milà. La struttura si regge interamente su colonne di mattoni e pietra, mentre le pareti interne non hanno alcuna funzione strutturale e le loro conformazioni variano da un piano all’altro. Dal 1986 è diventata un museo.

HAUS STEHT KOPF – TERFENS – AUSTRIA – Chi si trova nella zona di Innsbruck, non deve perdere la visita a questa bizzarra casetta, pensata per divertire anche i bambini. Il suo nome significa letteralmente “Casa a testa in giù”: è stata costruita nel 2012 dagli architetti polacchi Irek Glowacki e Marek Rozanski ed è letteralmente… a gambe all’aria. All’interno tutte le finiture e gli arredi sono fissati al soffitto per un effetto davvero straniante.

CASA DANZANTE – PRAGA – REPUBBLICA CECA – E’ il soprannome di un celebre edificio per uffici nel centro di Praga, progettato dagli architetti Vlado Milunić e Frank Gehry. Il complesso è anche chiamato “Fred and Ginger” (da Fred Astaire e Ginger Rogers) perché si ispira alle forme di una coppia di ballerini abbracciati nella danza.

KRZYWY DOMEK – SOPOT – POLONIA – Il nome alla lettera significa “Casa storta” o “Casa ubriaca” e ha una forma accartocciata, come se fosse stata deformata da un pugno. Sono curve non solo le mura esterne, ma anche i profili di porte e finestre, con un effetto complessivo davvero curioso. Costruita nel 2004, è uno degli edifici più bizzarri d’Europa.

MARKTHAL – ROTTERDAM – PAESI BASSI – E’ un complesso in parte residenziale, in parte adibito ad uffici, che ospita anche un coloratissimo mercato coperto. Inaugurato il 1º ottobre 2014 dalla regina Máxima dei Paesi Bassi, vi si trovano 228 appartamenti, 4600 metri quadrati di spazio per negozi al dettaglio e 1600 di area per l’ospitalità e garage per oltre 1200 auto. La facciata è interamente ricoperta da vetrate e anche l’interno completamente decorato.

ATOMIUM – BRUXELLES – Non si tratta propriamente di un edificio, ma di una imponente struttura monumentale situata nel parco Heysel di Bruxelles. È una costruzione in acciaio che rappresenta i nove atomi di un cristallo di ferro. E’ stata costruita in occasione dell’Esposizione Universale del 1958 e ha un’altezza di 102 metri. Le sfere hanno un diametro di 18 metri e sono collegate tra loro da scale mobili dotate di finestre e oblò da cui ammirare le altre sfere e il panorama sottostante.

CATTEDRALE DI SAN BASILIO – MOSCA – L’edificio, anche se è conosciuto come cattedrale di San Basilio, in origine si chiamava Chiesa dell’Intercessione della Madre di Gesù sul Fossato e ha fatto parte della Chiesa ortodossa russa. Eretta sulla Piazza Rossa di Mosca tra il 1555 e il 1561 per volontà di Ivan IV di Russia, la sua forma ricorda le fiamme di un falò che sale verso il cielo. Oggi è completamente secolarizzata: dal 1928 ospita il Museo Storico di Stato e dal 1990 è Patrimonio dell’umanità Unesco. Insieme con il Cremlino.




https://www.youchannel.org/feed/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *