Deutsche Bank, il fondo sovrano del Qatar potrebbe investire ancora


Deutsche Bank si affida ai capitali del fondo sovrano del Qatar per rafforzarsi patrimonialmente. Tra il colosso tedesco, in crisi da anni e con le quotazioni quasi dimezzate nell’ultimo anno (oggi vale appena 16,7 miliardi di euro), e l’emirato che controlla gi poco meno del 10% della banca di Francoforte, sarebbero in corso colloqui avanzati per un investimento ulteriore, rivela l’agenzia Bloomberg citando fonti a conoscenza del dossier, anche se non stato ancora raggiunto un accordo. L’intervento del Qatar — non chiaro ancora in che forma — potrebbe dare forza alla banca, in una fase in cui si parla da mesi di una fusione tra i due gruppi tedeschi maggiori ma deboli come Db appunto e Commerzbank, salvata dallo Stato (che ha ancora una quota rilevante).

L’investimento potrebbe essere realizzato attraverso il Qatar Investment Authority (Qia), cio il fondo sovrano. Le quote qatarine in Deutsche Bank sono invece in mano ad altri veicoli finanziari dell’emirato e controllati da membri della famiglia

Il presidente del Qia e ministro degli Esteri del Qatar, lo sceicco Mohammed bin Abdulrahman Al Thani (Afp)
Il presidente del Qia e ministro degli Esteri del Qatar, lo sceicco Mohammed bin Abdulrahman Al Thani (Afp)

reale e da importanti politici: il Qatar Financial Center (Qfc) possiede il 6,1% della banca tedesca ma con contratti derivati arriva fino al 9%. Finora n Deutsche Bank n il Qia hanno commentato le indiscrezioni, mentre a dicembre il Qfc aveva smentito di voler comprare ancora titoli di Bd.

La scelta di investire ancora nell’istituto guidato da Christian Sewing rientrerebbe nella strategia delineata nelle scorse settimane dal ministro delle finanze qatarino, Ali Sherif al-Emadi di voler investire dieci miliardi di dollari nell’economia tedesca. E a Davos nei giorni scorsi il presidente del Qia e ministro degli Esteri del Qatar, lo sceicco Mohammed bin Abdulrahman Al Thani ha fatto capire che Deutsche Bank tra le grandi societ tedesche nelle quali il fondo potrebbe investire. In Germania Qia possiede quote pesanti, fra l’altro, in Volkswagen.

Secondo alcune interpretazioni, l’investimento del Qatar sarebbe funzionale a

Christian Sewing, amministratore delegato di Deutsche Ban (AFP)
Christian Sewing, amministratore delegato di Deutsche Ban (AFP)

Deutsche Bank per coprire i rischi di una pesante multa che potrebbe arrivare dagli Stati Uniti, che sta analizzando le attivit della banca in un clamoroso caso di presunto riciclaggio a livello mondiale. Le indagini riguardano una serie di transazioni sospette tra la Deutsche Bank e una filiale estone della banca danese Danske Banke, con il transito fra il 2007 e il 2015 di circa 200 miliardi di euro, denaro proveniente in gran parte dalla Russia. Una vicenda sulla quale pende anche un’inchiesta della Federal Reserve.

Nei giorni scorsi inoltre Deutsche Bank finita nel mirino della Camera Usa, ora sotto il controllo dei Democratici, per i suoi rapporti con il presidente Donald Trump. Le commissioni finanze e intelligence hanno avanzato richieste di informazioni alla banca tedesca, l’unica tra le grandi banche occidentali che ha continuato a prestare soldi a Trump dopo il fallimento dei suoi casin negli anni Novanta. Il sospetto che si sia trattato di prestiti di favore.

27 gennaio 2019 (modifica il 27 gennaio 2019 | 11:06)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *