Cristiano Ronaldo vuole evitare di arrivare in tribunale a piedi (come Messi) e chiede un ingresso da vip


La paura quella di fare la fine di Messi. Che detta cos potrebbe far sorridere, ma visto che parliamo di tribunali e non di campi di calcio, invece un timore che ha una sua ragione. Cristiano Ronaldo si presenter marted in tribunale presso l’Audiencia provincial de Madrid. Si dichiarer colpevole di evasione fiscale dopo la transazione con il Fisco spagnolo che lo ha portato a versare 18,8 milioni di euro nella casse dello Stato iberico. E con ogni probabilit verr condannato a due anni di carcere (che non sconter in prigione). ma non questo a tormentare le notti di Cr7. Che sopra ogni cosa invece preoccupato di dover arrivare a piedi in tribunale come, per motivi di sicurezza, tutti o quasi sono costretti a fare in Spagna. Ed qui che torna in ballo Messi. Costretto nel 2016 a percorrere a piedi scortato dal padre e da alcune guardie del corpo la lunga scalinata del tribunale madrileno attorniato da una folla urlante di giornalisti, fotografi, cameramen e gente comune. Una scena che Ronaldo vorrebbe evitare a tutti i costi secondo almeno quanto rivela il quotidiano spagnolo El Mundo.

Richiesta informale

Tanto che avrebbe prima fatto una richiesta informale per evitare quello che in Spagna definiscono il paseillo, termine mutuato dalla corrida che si riferisce alla sfilata dei toreri prima dello spettacolo. Ma il tribunale gi gli avrebbe detto di no, tanto che i legali di Cr7 hanno fatto una seconda richiesta questa volta formale per poter entrare in auto nel parcheggio del tribunale e poi in aula attraverso un’entrata secondaria. Un precedente a dire il vero ci sarebbe. E’ il favore ottenuto dall’infanta Cristina quando fu processata. Ma si trattava della figlia del Re. Il re del calcio varr altrettanto ora che non gioca pi in Spagna?

21 gennaio 2019 (modifica il 21 gennaio 2019 | 10:40)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *