Cristiano Ronaldo accelera e prova anche con la terapia cellulare


Ronaldo accelera e punta sulla statistica. Ha 34 anni, gioca per professione da 17, ma ancora usa i suoi giorni di libert per recuperare prima dall’infortunio. Provarci, comunque. Non lasciare nulla al caso, sempre: anche cos che si diventa Cristiano Ronaldo. Per questo due giorni fa l’attaccante della Juventus stato (anche) all’unit di medicina rigenerativa della clinica Corachan, a Barcellona. Qui praticano la terapia cellulare di ultima generazione, quel che serve per accelerare il recupero dagli infortuni muscolari. Serve per la ricostruzione di muscoli, pelle e tendini. Le cure durano dai 2 ai 7 giorni e hanno statisticamente ottime percentuali di successo.

Ronaldo punta sulla statistica, pu fermarsi per le prossime tre gare di serie A, non vuole farlo per la sfida contro l’Ajax, neppure per la prima, quella del 10 aprile. Cos usa il suo giorno libero (anche) per un rapido consulto nella celebre clinica, che adesso pu vantarsi anche di aver ospitato chi ha vinto cinque Palloni d’oro e altrettante Champions. Tentazione irresistibile e infatti la notizia della visita trapela subito sui media spagnoli. Non ci risulta, spiegano alla Juventus. Semplicemente: mercoled era il giorno libero di CR7, chiaro che se lo desidera pu farsi visitare da chi gli pare. La societ bianconera non tenuta a saperlo e chi sa non deve (necessariamente) comunicarlo. Poi Ronaldo tornato, ieri stato visitato dallo staff medico della Juve e ha iniziato la riabilitazione. Nei prossimi giorni verr sottoposto a una risonanza, la prima al J Medical, per capire la reale entit della lesione apparentemente modesta all’adduttore della coscia destra. Non resta che aspettare, statisticamente.

28 marzo 2019 (modifica il 28 marzo 2019 | 22:37)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *