Cos’ G-Factor, la nuova casa delle start up che appena nata a Bologna


Milano, 11 marzo 2019 – 16:02

l’acceleratore della Fondazione Golinelli. Insieme al Competence Center BI-REX che sorge nella stessa area garantir formazione e consulenza per Industria 4.0


Nasce a Bologna G-Factor, il nuovo incubatore-acceleratore rivolto a realt imprenditoriali emergenti voluto dalla Fondazione Golinelli.

In tutto 5mila metri quadrati di spazi che vanno ad integrarsi con l’ecosistema gi esistente nell’ex opificio Golinelli nel quale trovano ospitalit attivit di educazione, formazione, ricerca, trasferimento tecnologico. G-Factor rappresenta l’uscita definitiva, per la Fondazione, dalla stagione nella quale ha svolto un ruolo sussidiario e di sostegno all’azione pubblica nel campo della formazione e della ricerca, per assumere direttamente la responsabilit di indicare, in una prospettiva locale e nazionale, una via di futuro, spiega il presidente di Fondazione Golinelli Andrea Zanotti.

Il completamento del nuovo padiglione non rappresenta quindi solo una crescita dal punto di vista architettonico, ma un vero e proprio inizio, una nuova fase di vita per Fondazione Golinelli. Dal 2015 la Fondazione ha accolto nei suoi spazi oltre 300 mila persone ed eroga ogni anno mezzo milione di ore di formazione, una vera e propria filiera della conoscenza che ambisce ad essere un importante centro di riferimento per l’innovazione a livello europeo. in questo contesto – fatto di reti, collaborazioni, contaminazioni gi operative o in attivazione – che prende forma G-Factor.

Le start up selezionate tra le 124 che hanno partecipato al bando vi sono Biocompatibility Innovation (Padova, Team indipendente), BionIT Lab (Lecce, Team indipendente), ComplexData (Spin off Universit di Milano), Diamante s.r.l. (Universit degli Studi di Verona), enGenome (Spin off Universit di Pavia), Genoa Instruments (Spin off Istituto Italiano di Tecnologia di Genova), HIPatch (Universit degli Studi di Pavia), Holey (Roma, Team indipendente), Relief (Spin off Scuola Superiore Sant’Anna). Nella nuova parte dell’opificio opera anche il Competence Center BI-REX (Big Data Innovation & Research EXcellence): attivo da poco pi di due mesi, il primo a partire tra gli otto Centri di Competenza selezionati dal Ministero per lo Sviluppo Economico. Raggruppa in un partenariato pubblico-privato 57 attori tra universit, centri di ricerca e imprese e garantir alle imprese di tutta Italia formazione,consulenza e orientamento nell’adozione di tecnologie avanzate in ambito Industria 4.0.

11 marzo 2019 | 16:02

© RIPRODUZIONE RISERVATA


https://www.corriere.it/rss/homepage_innovazione.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *