Condotte, le banche frenano sul finanziamento da 40 milioni


Un finanziamento ponte di 40 milioni di euro per mandare avanti i lavori in cui Condotte, scivolata in amministrazione straordinaria e affidata alle cure dei tre commissari straordinari Giovanni Bruno, Alberto Dello Strologo e Matteo Ugetti, impegnata come il Terzo Valico, il tunnel del Brennero e quello dell’alta velocit al nodo di Firenze. Un prestito chiesto al pool di 32 banche esposte gi per circa un miliardo di euro con il terzo general contractor del Paese. Il consorzio di istituti, guidato da Unicredit che ha storicamente il rapporto pi stretto con Condotte, ha respinto questa richiesta perch ritiene la societ non pi in grado di rimborsare i fidi, visti i flussi di cassa ridotti al lumicino. La trattativa per ancora aperta.

Ieri i tre commissari sono arrivati a Milano per incontrare alcuni esponenti delle banche esperti di ristrutturazione. Hanno messo sul tavolo il prestito-ponte da 190 milioni di euro garantito dal ministero dell’Economia. Per vederselo erogato, e con quello rimborsare prontamente le banche, serve il via libera della Commissione Ue che sta analizzando il dossier perch non infranga la normativa sugli aiuti di Stato. I commissari stanno lavorando duramente per cedere ci che non pi remunerativo svincolandosi anche delle opere che presentano oggettive difficolt, come hanno gi fatto per l’autostrada Siracusa-Gela. Al momento hanno in corso una trattativa per cedere a Rete Ferroviaria Italiana controllata da Fs, la societ Ergon (al 70% di Condotte), societ a che a sua volta controlla al 99% Nodavia (in amministrazione straordinaria), titolare del contratto per la stazione e il tunnel dell’alta velocit a Firenze. Opera che dovrebbe separare i flussi della Tav da quelli del trasporto pendolare decongestionando la rete. La cessione di Ergon dovrebbe portare una decina di milioni di euro a Condotte.

21 novembre 2018 (modifica il 21 novembre 2018 | 19:42)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *