Chelsea in surplace, il Valencia passa nel recupero –


ROMA – Chelsea e Valencia si aggiungono al Napoli nell’elenco delle prime squadre qualificate ai quarti di finale di Europa League. Arrivano conferme importanti per la formazione di Sarri che si impone anche in Ucraina dopo l’ampio successo della partita d’andata. Più sofferta la qualificazione per il Valencia che trova il gol qualificazione solo nei minuti di recupero.

BLUES CON IL PILOTA AUTOMATICO – Il 3-0 dell’andata allo Stamford Bridge offriva ampie garanzie alla squadra londinese. Sarri lascia in panchina diversi titolari ma i giocatori schierati dal primo minuto farebbero comodo alle big di tutta Europa, in particolare i due classe ’96 Loftus-Cheek e Christensen e il 18enne Hudson-Odoi. Il tecnico della Dinamo Khatskevich schiera i suoi con un propositivo 4-2-3-1 con Tsygankov, Shaparenko e Ferreira Pereira a supporto di Garmash. Bastano appena 5 minuti di gioco al Chelsea, in campo con uno sgargiante completino giallo con bordi blu, per sbloccare il risultato e chiudere la pratica qualificazione a proprio favore. La rete è a firma di Olivier Giroud che deposita in rete una deviazione di testa di Loftus-Cheek sugli sviluppi di un corner. Il francese si ripete al 33esimo minuto finalizzando al meglio un bell’assist di Marcos Alonso. Lo spagnolo si toglie anche la soddisfazione del gol poco prima dell’intervallo. Nella ripresa la Dinamo Kiev scende in campo con l’obiettivo di segnare quantomeno il gol della bandiera ma è il Chelsea a rimpinguare lo score di giornata. A siglare lo 0-4, e la tripletta di serata, è Olivier Giroud su colpo di testa da corner mentre la rete dello 0-5 è di Hudson-Odoi che sale a quota 4 reti in questa edizione dell’Europa League. Per la Dinamo Kiev una serata da dimenticare molto in fretta.

Dinamo Kiev – Chelsea, tabellino e statistiche

 

VALENCIA AI QUARTI – I padroni di casa partono meglio e trovano anche il gol del vantaggio con Ari al 12esimo ma il direttore di gara Anthony Taylor annulla giustamente la marcatura per un evidente controllo con il braccio al momento dello stop del pallone. Proprio al 30° l’attaccante centrale del Krasnodar ha dovuto lasciare il campo per infortunio facendo posto a Stotsky. Nel Valencia l’unico a rendersi pericoloso è Santi Mina ma il 23enne spagnolo sembra essere poco supportato dai compagni. La ripresa del match prosegue sulla falsariga del primo fino al momento del gol di Suleymanov che manda in visibilio il pubblico di casa a cinque minuti dal 90°. Il Valencia si butta in avanti alla disperata ricerca del gol di qualificazione che arriva nei minuti di recupero con Guedes, abile a sfruttare al meglio l’assist di Gameiro e regalare la qualificazione ai quarti.

Krasnodar-Valencia, statistiche e tabellino

Arsenal-Rennes, statistiche e tabellino

Slavia Praga-Siviglia, tabellino e statistiche

Villarreal-Zenit, statistiche e tabellino

Benfica-Dinamo Zagabria, tabellino e statistiche


https://www.youchannel.org/feed/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *