Causeway Bay a Hong Kong, la via commerciale più costosa al mondo, quinta Via Montenapoleone a Milano


Per la prima volta in cinque anni Causeway Bay a Hong Kong ha sostituito la Upper 5th Avenue di New York in testa alla classifica delle vie commerciali con i canoni di locazione più elevati al mondo, secondo quanto presentato da Cushman & Wakefield. Il report “Main Streets Across the World”, pubblicato con cadenza annuale e giunto alla sua 30a edizione, prende in esame 446 tra le principali vie commerciali di tutto il mondo e, utilizzando i dati di Cushman & Wakefield, classifica le più costose ubicate in 65 paesi, sulla base dei canoni di locazione per gli spazi primari.

New Bond Street a Londra è la più costosa in Europa e la terza al mondo

Il significativo calo dei canoni di locazione a New York ha fatto scivolare la Upper 5th Avenue al secondo posto nella classifica mondiale, con canoni medi di 20,733 €/mq/anno rispetto ai 28,262 €/mq/anno dello scorso anno. Nonostante un lieve calo nei canoni medi, l’area di Causeway Bay a Hong Kong conquista il primo posto, con 24,606 €/mq/anno. New Bond Street, a Londra, è invece la location più costosa in Europa e la terza nel mondo, con canoni sostanzialmente invariati su base annua (16,071€/mq/anno), a conferma del fatto che i retailer di fascia alta e del segmento lusso continuano a considerare la capitale britannica come una location chiave.

Al quarto posto Avenue des Champs Élysées a Parigi; Gynza a Tokyo la prima via asiatica

Scorrendo la classifica delle top 10, Avenue des Champs Élysées a Parigi è al quarto posto (13.992 €/mq/anno), seguita al quinto posto da Via Montenapoleone a Milano (€13.500/mq/anno). Ginza a Tokyo occupa la posizione più alta tra le vie asiatiche, con un canone medio di 11,232 €/mq/anno. Le vie dei mercati emergenti di Africa e America Latina occupano le posizioni di coda, con canoni medi a partire da 185 €/mq/anno. A livello europeo, sono quattro le high street italiane che si posizionano nella classifica delle top 10 location: oltre a Via Montenapoleone a Milano, al terzo posto dopo New Bond Street a Londra e Avenue des Champs Élysées a Parigi, Via Condotti a Roma in quarta posizione (11.500 €/mq/year); Calle San Moisè a Venezia in sesta posizione (6.000 €/mq/year) e Via Roma a Firenze in ottava posizione (5.800 €/mq/year).

Milano si distingue per l’alta concentrazione di aziende di moda e design

“Il mercato retail del lusso in Italia è attivo e la domanda è alimentata principalmente dai gruppi più importanti, che sono alla continua ricerca della perfezione della location e allo stesso tempo hanno diversi brand sui quali investire. L’interesse si conferma focalizzato sulle principali città turistiche che attraggono un numero crescente di potenziali consumatori e per le quali si prevede un’ulteriore lieve crescita dei canoni di locazione. Milano si differenzia rispetto alle altre città per l’elevata concentrazione di aziende che operano nel settore della Moda oltreché del Design, la cui eccellenza è riconosciuta a livello internazionale” commenta Thomas Casolo, Head of Retail di Cushman & Wakefield Italia:.

15 novembre 2018 (modifica il 15 novembre 2018 | 15:13)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *