Caso Marrazzo, 30 anni ai carabinieri che ricattarono l’ex presidente Lazio –


Condanne per quasi 30 anni per i quattro carabinieri al processo sul presunto ricatto a luci rosse contro l’ex Governatore del Lazio Piero Marrazzo. Il Tribunale di Roma ha condannato in particolare a 10 anni di carcere Nicola Testini e Carlo Tagliente, a 6 anni e mezzo Luciano Simeone e a 3 anni Antonio Tamburrino. 

Piero Marrazzo e lo scandalo del 2009: «Non è forte l’uomo che non cade, ma quello che sa rialzarsi»

Era il 3 luglio del 2009: l’ex presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo, venne filmato in compagnia del trans Jose Alexandre Vidal Silva, conosciuto come Natalì, nel corso di un blitz in un appartamento in via Gradoli, a Roma. Testini, Simeone e Tagliente rispondono del presunto ricatto. Tamburrino, invece, è accusato di  aver preso in consegna e custodito il video che ritraeva l’incontro tra Marrazzo e la trans Natalì. Il pusher Gianguarino Cafasso, l’uomo che aveva fornito la cocaina per il governatore e avvisato i carabinieri del festino, fu trovato morto per una overdose sospetta nel settembre del 2009.

 


Mercoledì 28 Novembre 2018, 12:30 – Ultimo aggiornamento: 28-11-2018 12:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA


https://www.youchannel.org/feed/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *