Casi Ospina e Lopes, i calciatori chiedono alla Fifa la «sostituzione temporanea»


La buona notizia che David Ospina in via di guarigione. Voglio ringraziare con tutto il cuore le persone che sono state in ansia per la mia salute, adesso sto bene, di nuovo a casa con la mia famiglia, ho bisogno di riposo e al pi presto con l’aiuto di Dio e la preghiera di tutti torner pi forte di prima grazie ha scritto su Twitter il portiere del Napoli, crollato a terra e poi portato in ospedale domenica scorsa alla fine del primo tempo di Napoli-Udinese dopo che alcuni minuti prima aveva subito un violento impatto alla testa a seguito di uno scontro con Pussetto.

La richiesta

Un dramma che ha trovato una soluzione positiva non ha per smorzato l’allarme che parte dai calciatori professionisti nei confronti della Fifa sulle conseguenze dei colpi alla testa in campo. Tanto da chiedere una modifica al regolamento, con la possibilit di una sostituzione temporanea per poter valutare con pi calma l’idoneit del calciatore a riprendere il gioco.
Ne parla esplicitamente in un articolo il Telegraph che riporta la posizione della FifPro (il sindacato mondiale dei giocatori), che, partendo da un incidente analogo a quello di Ospina, riguardante il portiere del Lione Lopes durante la partita di Champions League contro il Barcellona, avrebbe espresso molta preoccupazione per l’incidente del portiere della formazione francese, spiegando come la decisione di farlo tornare a giocare non avrebbe tenuto conto della possibilit di una seconda sindrome da impatto, cio della conseguenza di un secondo grave colpo alla testa subito dopo un potenziale trauma cranico.

Fifa contraria

La Fifa per sarebbe contraria alla possibilit della sostituzione temporanea, temendo che ci si possa approfittare della scappatoia regolamentare per togliere dal campo senza intaccare il limite delle tre sostituzioni un giocatore che sta disputando una brutta gara, spiegando con le parole di Nichel d’Hooghe, presidente del comitato medico, che non sarebbe la situazione ideale quella di prevedere la figura di medici neutrali in campo, volendo rispettare il fatto che la salute dei giocatori sia affidata ai medici sociali. E la Federazione internazionale ha ricordato come il protocollo attuale che prevede fino a tre minuti di stop sia sufficiente a valutare lo stato neurologico del giocatore.
Una presa di posizione contestata dai medici delle squadre della Premier League favorevoli alla sostituzione temporanea. La sensazione purtroppo che si dovr aspettare ancora a lungo per trovare una soluzione condivisa, a meno che, un nuovo , grave incidente costringa le autorit del calcio ad intervenire.

19 marzo 2019 (modifica il 19 marzo 2019 | 09:59)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *