Calcio italiano, il nostro tunnel è ancora molto lungo


Quello che successo nell’ultimo turno di Coppe non molto distante dalla eliminazione con la Svezia di un anno fa. A suo modo anche pi serio perch quella elimin dal mondo il calcio strettamente italiano, i giocatori italiani sopravvissuti all’invadenza straniera. Questa ha fermato un intero movimento, tutti compresi. Vedendo la Juve, vedendo tratti di Napoli e Inter, vedendo l’ultima Italia di Mancini, veniva da pensare che il tunnel fosse finito. Non stato cos. Ha deluso anche la Juve. La grande squadra non dipende dalle motivazioni, gioca meglio e batte i piccoli avversari, altrimenti manca qualcosa. La differenza tra il nostro calcio e la Champions viene proprio dalla Juve: 14 vittorie e un pareggio in Italia. Due sconfitte in 6 partite in Europa. Si pu tentare una spiegazione comune? tornato avanti il calcio inglese, in difficolt negli ultimi anni.

Questo ha tolto un po’ di spazio a tutti. Il tratto principale, quello dove mi sembra siano mancate le squadre italiane, stato per quello fisico. In Europa si corre e si colpisce di pi. Questo porta continuamente pi giocatori in area, favorisce gli anticipi. Il Napoli stata la squadra migliore di questo turno, ha un suo livello europeo certo, ma stata schiacciata dagli inglesi nel recupero del pallone. Non passavano mai pi di due metri tra la palla persa e il suo ritorno. Mancano soprattutto agli italiani forti riferimenti tattici. Si sono esaurite tutte le scuole, da quella difensiva al tiki taka; quella olandese in difficolt perch ormai si corre molto di pi, difficile reggere. E mancano i giocatori che sappiano risolvere da soli. Siamo tornati a un gioco proposto pi che attuato, una specie di confusione isolata in cui si vive di sorprese. Io credo sia cambiata anche la mente dei giocatori, ma qui si va nel fine. Questa generazione pensa e vive, anche il calcio, per la prima volta in modo molto diverso da chi l’allena. la prima generazione degli smartphone. Quando il web tolse confini e regal tutto, comprese idee diverse, Spalletti e Ancelotti avevano gi 40 anni. I loro ragazzi 10. La differenza oggi si vede dovunque. Forse l’ora di guardarla anche nel calcio

14 dicembre 2018 (modifica il 14 dicembre 2018 | 21:56)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *