Boxe, l’impresentabile Rakhimov eletto presidente: il Cio minaccia di escluderla dai Giochi


Onomasto di Smirne si rivolta nella tomba. Il greco che nel 688 avanti Cristo scrisse le regole della boxe, ne ottenne l’accredito ai Giochi Olimpici e — per non farsi mancare nulla — agguant la prima medaglia d’oro, non prenderebbe bene la notizia: 2.700 anni dopo il suo exploit, il pugilato rischia di sparire dai Giochi. Non per la crisi cronica di talenti, non per le solite proteste di chi lo ritiene anacronistico e pericoloso ma per colpa di Gafur Rakhimov, uomo d’affari uzbeko, eletto sabato presidente dell’Aiba, la Federazione mondiale della disciplina.

Il Comitato Olimpico — di solito attento a non mettere il becco negli affari federali, anche quando non troppo trasparenti — era invece stato insolitamente chiaro con i dirigenti della Noble Art: L’elezione di un noto criminale porterebbe alla sospensione della Federazione dal consesso olimpico. Ma il board dell’Aiba, riunito lo scorso weekend a Mosca, s’ infischiato del suggerimento del Cio e ha designato a larga maggioranza (86 voti su 134 validi) questo 68enne figlio di un impiegato che, da quando l’Uzbekistan ha ottenuto l’indipendenza dall’Unione Sovietica, diventato miliardario con una gigantesca attivit di import-export con Europa, Asia e Usa procurando all’Aiba un prestito di oltre 10 milioni di euro per tamponare gli enormi debiti contratti dai suoi predecessori.

Le attivit di Rakhimov non sarebbero esattamente virtuose. Cos sostengono gli uffici investigativi del Ministero del Tesoro americano che individuano in lui il leader di un’organizzazione criminale specializzata nella produzione di droga e in particolare nello smercio di eroina in relazione con i principali cartelli internazionali e addirittura con la spietata Yakuza giapponese. Troppo perfino per il Cio che (dopo aver negato all’allora presidente ad interim l’accredito al recente congresso di Buenos Aires) ratificher la sospensione della Federazione nel comitato esecutivo del prossimo 30 novembre. Ricordando che l’Aiba presenta anche gravi problemi di governance, trasparenza finanziaria e politica antidoping e tenendo conto anche delle dimissioni per bancarotta del presidente uscente Wu.

La decisione non ha precedenti. Considerando che ogni singola Federazione responsabile di gestire il suo programma agonistico ai Giochi, si tratterebbe o di far saltare un turno quadriennale alla boxe (mettendo in grave crisi tutto il movimento dilettantistico) oppure (in meno di due anni) di trovare una gestione alternativa scontrandosi con l’ostilit delle Federazioni nazionali, compatte a fianco del nuovo, potente zar.

Rakhimov non ha battuto ciglio: Oggi — ha spiegato nel discorso di accettazione del mandato — un grande giorno per la boxe mondiale che traghetteremo in una nuova dimensione. Ho ascoltato le richieste del Cio cui prometto che miglioreremo sul fronte della trasparenza. Di dimissioni, nemmeno a parlarne: l’uomo d’affari sottolinea che quelle americane sono solo illazioni e che su di lui non pende nessuna condanna. In effetti l’indagine del Tesoro si deve ancora concretizzare in tribunale e difficilmente si arriver a una decisione giudiziaria prima del fatidico 2020. La Federazione italiana? Tace. Il suo massimo dirigente, Vittorio Lai, aveva gi festeggiato l’elezione ad interim dell’uzbeko con foto e tweet: Congratulations Mr President.

4 novembre 2018 (modifica il 4 novembre 2018 | 23:05)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *