Bologna-Lazio, Pippo e Simone Inzaghi al derby delle panchine in A: «Emozionante, vinca il migliore»


Natale da trascorrere in famiglia. E il calendario fa sì che due fratelli lo facciano anche a Santo Stefano: Filippo e Simone Inzaghi si troveranno infatti anche nel boxing day, da avversari in Bologna-Lazio. Tutti e due con panchine poco sicure, anche se il primo perché in bassa classifica e il secondo al quarto posto e con possibilità di avvicinare il terzo. Eppure… Eppure entrambi, per motivi diversi sono in bilico (il primo per la classifica, con il Bologna terzultimo, il secondo perché i rapporti con il presidente Lotito sono tesi fin dall’estate).

«La gara di domani per me sarà particolare perché sarà emozionante sfidare mio fratello – racconta Simone – È già accaduto di affrontarci come allenatori e come calciatori, duellare nella massima serie sarà una realizzazione. Sarà molto emozionante per me e per Filippo, ma soprattutto per i nostri genitori. In questi giorni abbiamo parlato poco di calcio, ma ci siamo sentiti. Tutta la nostra famiglia sarà allo stadio, ma ognuno di noi dovrà pensare al meglio della propria squadra». A fargli eco, dall’Emilia, Pippo: «I miei nipoti saranno allo stadio, e che vinca il migliore. Sarà strano ma ognuno penserà al bene della propria squadra»

Il calcio, però, deve essere in primo piano: «Ci aspetta una partita importante e difficile ma giochiamo in casa – analizza il rossoblu – Speriamo di passare un bel 26. Falcinelli e Dijks non stanno benissimo, hanno la febbre, vediamo se possiamo recuperarli, Falcinelli è più difficile. Però ci sono i rientri di Pulgar, oggi ha fatto primo allenamento, vediamo se è disponibile a venire almeno in panchina. Poli ha recuperato». «Il Bologna è organizzato e compatto, è in corsa per la salvezza e sono sicuro che mio fratello riuscirà a portare la formazione felsinea alla permanenza in A – risponde Simone – Io e Filippo abbiamo ancora dei dubbi di formazione, io ho a disposizione tante scelte. Lucas Leiva è tornato contro il Cagliari e si è allenato bene, ha buone possibilità di giocare Con lui abbiamo una pedina in più che sarà fondamentale per il nostro scacchiere».

La Lazio ha tutti a disposizione, anche se lascerà fermi Durmisi e Berisha in vista della partita di sabato contro il Torino. I dubbi però riguardano Milinkovic-Savic e Immobile: «Sono scesi in campo solo oggi e dovrò valutarli sapendo che ho anche altre opzioni: loro sono molto importanti per noi e li monitorerò», spiega il mister biancoceleste. Un successo permetterebbe alla Lazio di avvicinare il terzo posto occupato dall’Inter, impegnata in serata contro il Napoli: «Una squadra ambiziosa deve guardare sempre al prossimo avversario: la classifica è molto corta, l’Inter ha avuto un rallentamento nell’ultimo turno e non c’è tempo per osservare le altre squadre – analizza Simone – Dobbiamo guardare avanti e giocare sempre con le motivazioni al massimo perché la Lazio può giocarsela con tutti», ha aggiunto Inzaghi. Fratello permettendo, naturalmente: «Pochi ci daranno chance ma noi abbiamo dimostrato nelle ultime due partite che siamo concentrati – ribadisce Pippo, reduce da due pareggi contro il Milan e nel derby con il Parma – siamo sul pezzo, siamo una squadra che può rompere le scatole a tutti. Speriamo di fare una grande gara».

25 dicembre 2018 (modifica il 25 dicembre 2018 | 18:36)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *