Bankitalia, Fabio Panetta direttore generale. Torna Daniele Franco, entra Alessandra Perrazzelli


La Banca d’Italia ha indicato un nuovo direttorio, l’organo collegiale che guida l’istituto centrale. Ieri sera in poco pi di due ore le proposte del governatore Ignazio Visco sono state accolte dal Consiglio superiore della Banca d’Italia con la promozione — come nelle attese — dell’attuale vicedirettore generale Fabio Panetta,

Fabio Panetta, nominato direttore generale di Banca d'Italia (Ansa)
Fabio Panetta, nominato direttore generale di Banca d’Italia (Ansa)

59 anni, a nuovo direttore generale, prendendo il posto di Salvatore Rossi che nei giorni scorsi aveva dato l’indisponibilit a una riconferma. Con lui sono stati nominati nel direttorio due nuovi vicedirettori: Daniele Franco, 65 anni, che rientra in Banca d’Italia dopo sei anni come Ragioniere Generale dello Stato, e l’avvocato Alessandra Perrazzelli, 57 anni, ex country manager italiano di Barclays e attuale vicepresidente della multiutility lombarda A2A: una professionista scelta all’esterno del perimetro di Via Nazionale, selezionata dal cacciatore di teste cui Bankitalia si rivolto, Egon Zehnder.

Le richieste di Lega e M5S: discontinuit

Quella di Panetta una scelta autonoma della Banca d’Italia ma risulta comunque gradita alla maggioranza Lega-M5S: viene dunque rispettata l’esigenza di autonomia di Via Nazionale ma si va anche incontro alle richieste di discontinuit

Alessandra Perrazzelli, nominata vicedg della Banca d’Italia (Imagoeconomica)
Alessandra Perrazzelli, nominata vicedg della Banca d’Italia (Imagoeconomica)

in Bankitalia che nelle scorse settimane erano arrivate dai leader dei due partiti, Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Le bordate di Lega e Cinquestelle sulla necessit di un azzeramento dei vertici di Bankitalia si erano associate al congelamento della conferma dell’altro vicedg, Luigi Federico Signorini, avvenuta a met febbraio ma lasciata da settimane in stand by dal Consiglio dei ministri.

L’autonomia tutelata

Adesso il clima politico sembra andare verso un rasserenamento. Le nomine? Le accettiamo, stato ieri sera il commento di un esponente grillino di primo piano. La prossima mossa ora spetta al governo: il complesso iter procedurale prevede l’approvazione delle nomine con decreto del Presidente della Repubblica promosso dal Presidente del Consiglio dei ministri, di concerto col ministro dell’economia, sentito il Consiglio dei ministri. L’attesa che passino non solo le tre nomine decise ieri ma anche quella di Signorini: Anche Signorini, aggiunge l’esponente M5S. Anche questo sarebbe un modo per garantire l’indipendenza della Banca d’Italia accogliendo nel contempo il segnale di discontinuit, dato che su cinque componenti del Direttorio, ben tre sono nuovi (anche se uno dei membri, Panetta, cambia solo di ruolo).

La distensione dei rapporti tra Bankitalia e il governo era cominciata gi negli scorsi giorni, con l’incontro tra il premier Giuseppe Conte e il governatore. Poi il passo indietro di Rossi ha sbloccato l’impasse dando il via a un gioco di nomine a incastro. Ieri mattina il passaggio di Visco al Quirinale ha definito il quadro.

Contro il bail-in

La scelta di Panetta, in carica dal 10 maggio, di rilievo per la storia professionale del banchiere centrale. Romano, classe 1959, sposato, a Palazzo Koch dal 1985 dopo la laurea alla Luiss nel 1982, dal 2010 al 2012 stato responsabile del Rapporto sulla

Ignazio Visco, governatore della Banca d’Italia (Imagoeconomica)
Ignazio Visco, governatore della Banca d’Italia (Imagoeconomica)

Stabilit Finanziaria. Da oltre sei anni vicedg di Bankitalia, membro del board della Vigilanza Unica Bce, Panetta stato negli anni fortemente critico delle regole del bail in, secondo la linea tracciata dalla Banca d’Italia, e delle regole stabilite per gli stress test che nel 2014 hanno penalizzato pi di altre le banche italiane. Una posizione netta, quella di Panetta, che Lega e M5S hanno mostrato di apprezzare, in particolare lo scorso gennaio quando Panetta ha definito la normativa sul bail in introdotta in Europa come una reazione rabbiosa dopo la crisi finanziaria globale e dopo le centinaia di miliardi spesi dagli Stati (ma non dall’Italia) per salvare le banche.

Nei delicati confronti con la Commissione Ue per il salvataggio (poi non riuscito) delle quattro banche e poi per Popolare di Vicenza e Veneto Banca si sempre detto a favore del ricorso al Fondo interbancario di tutela dei depositi (Fitd), che la Ue ha considerato per anni come aiuto di Stato venendo per smentita dai giudici europei pochi giorni fa. Il modello cui Panetta guarda sono gli Usa dove i depositanti non hanno mai perso un soldo perch l interviene un’autorit pubblica che ha un credito illimitato, che non chiede un soldo al Tesoro.

Franco e Perrazzelli, i due nuovi vicedg

Anche le altre figure sono di primo piano: Daniele Franco lascia Via XX Settembre —

Daniele Franco, nominato vicedg della Banca d’Italia (Imagoeconomica)
Daniele Franco, nominato vicedg della Banca d’Italia (Imagoeconomica)

era stato rinnovato per un solo anno — e dopo sei Finanziarie torna in Bankitalia, dove era entrato nel 1979 lavorando al servizio studi e dove rimasto fino al 2013. L’outsider Alessandra Perrazzelli, avvocato, prende il posto di Valeria Sannucci: laurea a Genova, studi anche alla New York University School of Law, gi numero uno di Barclays, una sostenitrice delle quote rosa; stata per tre anni, dal 2010 al 2013, presidente di Valore D, l’associazione di manager che promuove la diversit di genere nelle posizioni di vertice delle aziende.


http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *