Backup, viene fatto sempre più spesso ma le perdite di dati crescono –


backup Acronis

Per il World Backup Day 2019 che si celebra il 31 marzo, Acronis ha commissionato un sondaggio globale sul tema. Un sondaggio avente come obiettivo quello di fare luce sulle abitudini di protezione dati degli utenti.

Dall’indagine emerge che il 65,1% degli utenti intervistati o un componente della loro famiglia ha perso dati. Perdita avvenuta in seguito a un’eliminazione involontaria, un guasto o un problema software. Ciò rappresenta un aumento del 29,4% rispetto allo scorso anno.

Secondo il sondaggio che Acronis ha commissionato, quasi tutti gli utenti (92,7%) eseguono ormai il backup dei propri computer. In questo, c’è stato un aumento di oltre il 24,1% rispetto allo scorso anno, il più consistente su base annua.

Fonte: Acronis, marzo 2019

“Questi due risultati possono apparire incompatibili a una prima lettura: come è possibile che sia aumentata la percentuale di dati persi se quasi tutti eseguono il backup? Spiegare il senso di queste cifre non è comunque complicato. Le persone utilizzano un numero maggiore di dispositivi e accedono ai propri dati da più posizioni rispetto a prima, moltiplicando così le opportunità di perdere i dati. A volte eseguono il backup del laptop, ma non quello dello smartphone che magari viene dimenticato in taxi causando così la perdita dei dati”. Ha commentato James Slaby, Direttore Cyber Protection presso Acronis.

Consapevolezza della necessità del backup

Per l’indagine mondiale di Acronis sono stati intervistati non solo utenti consumer ma anche, per la prima volta, di fascia business. Il numero crescente di CEO, CIO e altri dirigenti che hanno perso il proprio lavoro a seguito di violazioni dei dati, attacchi online ed errori procedurali dei team It ha spinto Acronis a integrare nel sondaggio domande sui loro timori e sulle procedure attuate in merito ai dati. L’aggiunta degli utenti business ha messo in evidenza numerose differenze sulle motivazioni e le modalità con cui utenti e aziende proteggono le proprie risorse digitali.

Fonte: Acronis, marzo 2019

Il numero di dispositivi usati dagli utenti è in costante aumento. Oltre il 68,9% di utenti individuali riferisce di possedere tre o più dispositivi, inclusi computer, smartphone e tablet. È un aumento del 7,6% dal 2018.

Considerata la quantità dei dati usati e i racconti di coloro che hanno perso le proprie case a causa di incendi e inondazioni, e del volume di dati perduti in seguito ad attacchi ransomware e violazioni della sicurezza, l’incremento dei backup riferito testimonia l’esigenza di protezione dei dati da parte di quasi tutti gli utenti. Di fatto quest’anno solo il 7% ha dichiarato di non aver mai eseguito un backup, una percentuale che lo scorso anno era pari al 31,4%.

Dal sondaggio emerge anche il maggior valore attribuito dagli intervistati ai propri dati. Il 69,9% riferisce l’intenzione di spendere oltre 50 dollari per recuperare file, foto, video perduti. Lo scorso anno questa percentuale era inferiore al 15%.

Informazioni personali al sicuro

Il 62,7% degli utenti tiene i propri dati nelle immediate vicinanze, eseguendo il backup su un disco esterno locale (48,1%) o su una partizione di disco rigido (14,6%). Solo il 37,4% utilizza un approccio al cloud o ibrido tra cloud e in locale.

Fonte: Acronis, marzo 2019

La bassa percentuale di adozione del cloud presenta un’altra apparente incongruenza. La maggior parte degli utenti afferma che l’accesso libero ai dati è uno dei principali vantaggi offerti dal backup. Con una netta maggioranza che sceglie “l’accesso facile e rapido ai dati di backup da qualsiasi posizione” come caratteristica prioritaria. Ciononostante, solo un terzo esegue il backup nel cloud, l’unica opzione che offre la possibilità di recuperare i file da qualsiasi posizione.

Fonte: Acronis, marzo 2019

Il tipo di dati su cui convergono i maggiori timori degli utenti è rappresentato da contatti, password e altre informazioni personali (45,8%). A cui fanno seguito file multimediali come foto, video, musica e giochi (38,1%).

Fonte: Acronis, marzo 2019

Poco meno della metà degli utenti è consapevole dei potenziali attacchi online che minacciano i dati. Quali il ransomware (46%), il malware di mining di criptovalute (53%) e gli attacchi di ingegneria sociale (52%) usati per diffondere i malware. La diffusione delle informazioni relative a questi pericoli sembra aver subito un rallentamento, perché il numero di consumatori consapevoli è aumentato del solo 4% nello scorso anno.

Le priorità delle aziende

Poiché una sola ora di fermo aziendale implica in media 300.000 dollari di attività mancate, gli utenti corporate devono conoscere il valore dei propri dati. E poiché è sui CEO e sui dirigenti di alto profilo che ricade la maggiore responsabilità per la protezione dei dati e le procedure di sicurezza all’indomani delle eventuali violazioni, la leadership va assumendo un atteggiamento proattivo.

Ciò spiega perché gli utenti business intervistati da Acronis per il World Backup Day siano ormai pronti a proteggere i propri file, applicazioni e sistemi. Con una netta maggioranza che sottolinea come sicurezza e salvaguardia dei dati siano gli aspetti prioritari, collocati rispettivamente al primo e al secondo posto.

Per la prima volta il sondaggio del 2019 ha visto la partecipazione delle aziende. Le risposte provengono da strutture di ogni dimensione. Un 32,7% di piccole aziende con meno di 100 dipendenti, un 41% di aziende di medie dimensioni con un numero di dipendenti compreso tra 101 e 999. Infine, un 26,3% di grandi imprese che impiegano 1.000 o più persone.

Indipendentemente dalla dimensione, la maggioranza considera la protezione dei dati una priorità ed esegue quindi il backup dei dati ogni mese (35,1%), ogni settimana (24,8%) o ogni giorno (25,9%). Grazie a ciò, è il 68,7% delle aziende intervistate ad affermare di non aver subito durante lo scorso anno perdite di dati che hanno causato periodi di inattività.

Le stesse aziende appaiono anche fortemente consapevoli dei rischi più recenti che corrono i propri dati. Per questa ragione si dichiarano preoccupate o fortemente preoccupate dai ransomware (60,6%), dal cryptojacking (60,1%) e dagli attacchi di ingegneria sociale (61%).

Il cloud è diffuso tra le aziende

Nella pratica, le aziende di ogni dimensione si affidano ai backup nel cloud. Il 48,3% in modo esclusivo e il 26,8% adottando una combinazione di backup locale e cloud.

Considerati i timori dichiarati a proposito della sicurezza e della salvaguardia dei dati, la loro fiducia verso il cloud è comprensibile. L’esigenza di “backup affidabili che rendano i dati sempre accessibili per il ripristino” è soddisfatta quindi dal backup offsite nel cloud. Questo, garantisce la sopravvivenza dei dati anche se un incendio, un alluvione o un’emergenza naturale distrugge le strutture aziendali.

In termini di sicurezza (“i dati devono essere protetti dalle minacce online e cybercriminali”), il cloud rappresenta una sorta di cuscinetto che gli attacchi malware hanno difficoltà a violare.

Difendersi dai nuovi attacchi e proteggere i dati

Poiché le minacce ai dati continuano a mutare a una velocità straordinaria, tanto i singoli quando le aziende devono adottare soluzioni che forniscano una protezione dei dati di vasta portata. Una protezione flessibile al punto da includere backup locali, ibridi e cloud, nonché funzioni proattive di backup e difesa dal malware.

Acronis offre anche quattro semplici consigli per la protezione dei dati. Che si tratti di progettere i file personali o di difendere la business continuity dell’azienda.

1. Avere sempre a disposizione un backup recente dei dati più importanti. Conservate le copie del backup in locale (così che sia disponibile per ripristini rapidi e frequenti) e nel cloud, per garantire di avere tutto il necessario per il ripristino nel caso in cui un incendio, un’alluvione o una qualsiasi emergenza colpisca la struttura.

2. Verificare che sistema operativo e software siano sempre aggiornati. Un sistema operativo o una app obsoleti non sono affidabili in quanto non vengono aggiornate le correzioni dei bug e le patch di sicurezza che contribuiscono a impedire l’accesso ai sistemi da parte dei criminali informatici.

3. Prestare la massima attenzione a email, link e a allegati sospetti. La maggior parte delle infezioni da virus e ransomware sono il risultato di tecniche di ingegneria sociale che ingannano le persone ignare invitandole ad aprire allegati infetti o a visitare siti web che ospitano malware.

4. Installare un software anti-virus e attivare gli aggiornamenti automatici, così che il sistema sia sempre protetto contro i ceppi di malware noti e diffusi. Gli utenti di Windows devono mantenere Windows Defender sempre attivo e aggiornato.

Gli strumenti Acronis

Acronis fornisce soluzioni per il backup, la protezione attiva dal ransomware, il disaster recovery e la sincronizzazione e condivisione sicura dei file.

Le soluzioni di backup Acronis sono Acronis Backup per le aziende e Acronis True Image per l’uso personale. Esse integrano una difesa contro il ransomware basata su intelligenza artificiale che individua e arresta il ransomware in tempo reale e ripristina automaticamente qualsiasi file oggetto di attacco. Solo lo scorso anno, informa l’azienda, tale tecnologia ha bloccato oltre 400.000 attacchi ransomware.

La versione più recente di questa difesa integrata, denominata Acronis Active Protection, è stata recentemente migliorata. Essa è oggi in grado di bloccare anche i malware di mining delle criptovalute.

Ulteriori informazioni sulla protezione dei dati sono disponibili sul sito Acronis, a questo link.

Sempre per l’occasione del World Backup Day 2019, Ermes Cyber Security ha stilato un vademecum per mettere al sicuro i propri dati. È possibile leggerlo in questo nostro articolo.


https://www.youchannel.org/feed/

Cerchi un autonoleggio ?

Scegli ora: Autonoleggio Economico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *