Australia, sfuma il sogno di Bolt di diventare calciatore: via dai Mariners


Il sogno di Usain Bolt di diventare un calciatore professionista in Australia si è infranto: l’ex re dello sprint olimpico non ha trovato un accordo economico con i Central Coast Mariners. La società ha hanno annunciato che il periodo di allenamento per un periodo indefinito di Bolt con il club «si è concluso, con effetto immediato».

Come avevamo anticipato, i Central Coast avrebbero offerto a Bolt un contratto del valore di 150.000 dollari australiani (95.000 euro) – il giamaicano chiedeva 3 milioni (poco meno di due milioni in euro) e la possibilità di incrementare la cifra grazie all’ausilio di sponsor esterni, ma il management dell’otto volte oro olimpico ha respinto l’offerta.


La doppietta di Bolt e altre trasformazioni: se il campione cambia sport e vita, da Rio Ferdinand a Jordan e Cantona



Pinto, dai pali del Barcellona al Grammy latino (e a Fast and Furious)


Il proprietario dei Mariners, Mike Charlesworth, ha dichiarato che «è stato un piacere lavorare con Usain per cercare di realizzare il suo desiderio di diventare un calciatore professionista. La collaborazione – ha proseguito – è stata vantaggiosa per entrambi perché la presenza di Bolt ha portato un livello maggiore di attenzione sia ai Mariners che al campionato australiano».

2 novembre 2018 (modifica il 2 novembre 2018 | 07:35)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/sport.xml

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *